Close

Testimonianza di Alessio da Locarno

Intervista
Pubblicato 3 mesi fa
Modificato 3 mesi fa

Alessio si è trasferito da Lecce a Brissago, nel Canton Ticino, un paio d'anni fa. Esperto nel settore edile, ha trovato un lavoro che lo soddisfa e gli permette di mantenere, con sacrifici ma con grande soddisfazione, la sua famiglia.  

Alelecce

Alelecce

Grazie a tti io sono Alessio Italiano di origine mi sono trasferito in seguito alla crisi Italiana in Svizzera circa 3 anni fa ...ma da anni coltivo il sogno delle Filippine...ho 42 anni e da 27 anni lavoro nel settore edile....avevo una mia ...

Raccontaci di te: chi sei e dove vivi attualmente?

Il mio nome è Alessio, ho 42 anni compiuti, e sono uno dei tantissimi cittadini Italiani che si è trasferito all’estero.
Le mie origini sono Pugliesi e precisamente vengo dalle terre del Salento.
Sono nato e cresciuto a Lecce, dove per tanti anni ho studiato e lavorato, mi sono sposato all’eta di 26 anni nel luglio del 2002.
Il 6 Maggio 2003 è nato il mio unico figlio Joele.
Sono felicemente sposato con Carmen, una donna stupenda che mi ha seguito nel bene e nel male ovunque.
Ho studiato elettronica all’Istituto ISPIA MARCONI di Lecce dove mi sono diplomato, ho iniziato (visto l’esigenza) a lavorare nei cantieri come muratore e carpentiere casseratore subito dopo il diploma.

Nel 2012, nel pieno corso della crisi Italiana, apro una mia Ditta edile, che pian piano e con sacrifici porto nel giro di un solo anno da ditta individuale a SRL.
Ma nel corso del 2014 per problemi di salute sono costretto a chiudere e perdo tutto compreso la mia unica casa. Mi trovo sulla soglia del baratro e inizio a pensare cosa e come poter fare per dare un futuro a mio figlio e alla mia famiglia.

Nel Salento le oppportunita di lavoro sono quasi nulle, ma anch nel resto dell’Italia le cose non vanno meglio, oramai provavo astio e odio non per la mia nazione ma per chi la gestiva e per chi la governava, percio’ inizio a maturare l’idea di trasferirmi all’estero...con tante domande: come, dove, come fare ?
Attualmente vivo in Svizzera, nel Canton Ticino, in uno stupendo appartamento con vista mozzafiato sul Lago Maggiore sito in Brissago.

Da quanti anni vivi in Svizzera?

Da poco, dal Maggio del 2015, ma questo breve periodo mi ha fatto conoscere una terra dalle mille opportunita e dalle mille sfaccettature, con tante regole ma sempre pronta ad aiutarti, in tutti i sensi.

Ti sei trasferito solo o in famiglia?

Quando ho deciso di trasferirmi in Svizzera non ho mai pensato di farlo da solo, non perchè non fossi all’altezza di farlo ma perchè credevo, e lo credo ancora fermamente, che lasciare la famiglia per trasferirsi da soli all’estero non sia il massimo della saggezza, anche perche è come abbandonare la famiglia. 
E poi chi mi avrebbe ridato i momenti persi con mia moglie e mio figlio?
Perciò alla tua domanda rispondo con serenità ed armonia che mi sono trasferito con tutta la mia famiglia. 

Quali sono i motivi principali che ti hanno portato in Svizzera?

I motivi sono tanti ma quello più palese era la voglia di ricominciare, ripartire da zero, dare un futuro a mio figlio, trovare un lavoro degno di mantenere una famiglia.

Qual è stata la prima sensazione provata toccando suolo svizzero? 

La prima sensazione? Una volta superata la dogana Italiana è come entrare in un altro mondo: un Paese gestito con regole rigidissime, pulizia delle aree pubbliche, rispetto della persona, umanità, nessun claxon che suona. Un altro pianeta per intenderci.

Che strumenti hai usato per reperire informazioni sulla destinazione prima di trasferirti?

Vorrei fare una premessa: vivere e lavorare in Svizzera non significa diventare ricchi ed avere un tenore di vita miliardario, ma bensi lavorare ed avere un tenore di vita giusto e dignitoso.
Quindi tutti quelli che pensano che la Svizzera sia la nazione giusta per non far niente e diventare ricchi, farebbero bene a restarsene a casa propria.
Detto cio posso dirti che io ho usato uno strumento semplice, accessibile a tutti: internet. Google mi ha indirizzato sul sito ufficiale del Canton Ticino e da li ho avuto modo di leggere e capire le cose principali da fare per arrivare in Svizzera.

Segnalo un sito dove passo passo troverete tutto cio di cui avete bisogno: comparis.ch
Si tratta di un sito molto dettagliato che spiega tutto il necessario e ti guida passo passo su cosa fare e cosa non fare in Svizzera, parla dei sindacati, dei permessi di soggiorno o di lavoro, indirizza su siti di lavoro e di agenzie. Consiglio a tutti di visitarlo attentamente.

Come ti sei organizzato per il trasloco dall’Italia alla Svizzera?

Ecco questo è un discorso piu complesso!
Anzitutto bisogna trovare una ditta di trasloco autorizzata per i traslochi esteri al di fuori dell’Europa, in quanto la Svizzera è una nazione a sè e non fa parte dell’Unione europea, di fatto la sua attuale moneta è il Franco e non l'Euro.
Trovata la ditta di traslochi bisogna stilare una lista delle masserizie, cioè delle proprie cose incluso mobili e scatole ed indicare approssimativamente cosa contengono.
Sdoganamento e pratiche varie saranno a carico della ditta di trasloco.

Quali sono le prime pratiche da effettuare per essere in regola per lavorare/vivere in Svizzera?

In Svizzera i cittadini Italiani hanno il diritto alla libera circolazione per un periodo di 3 mesi, trascorso tale periodo ci sono solo 2 cose da fare: richiedere un permesso temporaneo per la ricerca di lavoro e richiedere un permesso di lavoro.

Vediamo come fare:
Per il primo caso bisogna dimostrare di avere le possibilita di mantenersi e di far fronte a determinate spese, inclusi vitto o alloggio, a meno che non ci sia un parente o un conoscente che vi faccia una dichiarazione di Dimora  (non era il mio caso! Io non conoscevo nessuno).

Il secondo caso e piu complesso riguarda il permesso L oppure B per il cui ottenimento bisogna rispettare questi parametri: 
Trovare un alloggio
Trovare un lavoro e presentarsi presso l’ufficio stranieri di appartenenza consegnando la documentazione richiesta correlata di contratto d’affitto, contratto di lavoro, formulario debitamente compilato per la richiesta di permesso di soggiorno con timbro del datore di lavoro, 3 foto tessera e documento di riconoscimento italiano (il codice fiscale non serve, non sanno nemmeno cosa sia in Svizzera)
Dal 1 gennaio 2018 viene gestito tutto online, per informazoni potete consultare il link ti.ch/di/spop/chi-siamo/ufficio-della-migrazione/

Che lavoro fai?

Io lavoro nel settore edile come muratore e carpentiere casseratore.

Come hai fatto a trovare questo lavoro?

Mi sono rivolto in primis alle agenzie, ho risposto ad un loro annuncio di ricerca di personale e nel giro di 2 ore avevo il contratto in mano (ci va un po' di fortuna) ma non pensate di restare in Italia e Candidarvi online.anche perche qui amano i colloqui e la disponibilità immediata.

Dal punto di vista lavorativo, cosa ti dà in più la Svizzera rispetto all’Italia?

Tutto, qui ho diritti e doveri, cose che in Italia oramai vanno scemando...e lo stipendio e adeguato al tenore di vita.

Che quartiere/zona di Locarno consigli per cercare alloggio con famiglia?

Ogni quartiere è adatto.
In realtà qui esistono le contrade che sono poi gestite dai comuni, che a loro volta vengono gestiti dai cantoni.
IO vivo a Brissago, in prossimità della dogana. Qui gli affitti hanno un certo costo ma, se si amano la montagna e la tranquillità, nei dintorni di Locarno è pieno di paesotti con 300-400 abitanti come Orsellina, Cevio, Bavera, Solduno ,Valle Maggia, Losone, Avegno, Arcegno.

Quanto ti costa al mese vivere li?  

I costi ci sono e sono elevati:
Affitto 1300 franchi 
Cassa malati (con sussidio cantonale per famiglie o coppie) 145 franchi, senza sussidio 860 circa
20 franchi rete adsl 
10 franchi tv satellitare sky incluso pacchetto premium
Il cibo: in alcuni supermercati rispettano i prezzi italiani. Uno dei più economici e buoni per rapporto qualità prezzo è ALDI, poi ci sono COOP e MIGROS, tra gli altri. 
Essendo Locarno a 15 minuti dal confine a volte facciamo la spesa in Italia.

Com’è una tua giornata tipo? 

Esco da casa alle 06.30, inizio il lavoro alle 07.30. Faccio una pausa dalle 12 alle 13 per staccare alle 17 n inverno e alle 18.00 in estate.
Rientro a casa e se estate c'e tanto da fare tra il parco della pace a Locarno, le piscine coperte e scoperte con gli acqua giochi, il lungo lago, bar e caffetterie.
L’inverno usciamo solo il week ed andiamo in giro per la Svizzera.

Riguardo alla sanità pubblica, che normativa vige per un italiano iscritto AIRE?

La sanità non è pubblica ma privata. Ogni persona che vive e lavora in Svizzera ha l’obbligo di stipulare una cassa malati con una compagnia assicurativa, 
Senza non si ha il diritto di vivere nel paese e diavvalersi delle cure mediche. 
Esistono però i sussidi, o aiuti cantonali, che fanno risparmiare alle famiglie dal 70 al 90% dell’importo da versare mensilmente che si aggira dai 700 agli 850 franchi a seconda delle compagnie.

Cosa ne pensi del livello di sicurezza personale a Locarno?

I livelli sono altissimi e la polizia (unico corpo) gestisce il tutto al 100%.

Quali sono le caratteristiche climatiche della zona dove vivi?

In estate il clima è variabile, può essere caldo o mite. Dipende molto dalle annate e dalla zona del Paese in cui si vive. La pioggia però è una costante.

Sotto che aspetti ti ha cambiato l’espatrio? 

Non mi ha cambiato ma ha dato nuove prospettive di vita non solo a me ma soprattutto a mio figlio! 
Un sola cosa mi sento di dire: cambiare vita è possibile, basta volerlo e non perdere tempo.