Close

Diego a HCMC: " Il Vietnam mi garantisce un tenore di vita pi¨ alto che in Italia "

  • Diego in Vietnam
Intervista
Pubblicato 10 mesi fa
Diego Ŕ un giovane trentenne originario della provincia di Brescia. Stanco di essere un lavoratore precario nel suo paese, sei anni fa ha deciso di trasferirsi a Ho Chi Minh City, dove ha tovato l'amore! Attualmente gestisce un centro estetico assieme alla moglie e si occupa anche di edilizia e consulenza agli stranieri che vogliono investire in Vietnam.
Diegofromviet

Diegofromviet

Raccontaci di te: chi sei e da dove vieni?

Ciao, mi chiamo Diego, ho 30 anni e vengo dalla provincia di Brescia.

Dove vivi?

Attualmente risiedo a Ho Chi Minh City, in Vietnam.

Quanto tempo fa hai lasciato l’Italia?

Sono partito sei anni fa, nel 2011.

Hai mai avuto delle incertezze prima della partenza?

Certamente, le incertezze le avevo prima e le ho anche adesso…purtroppo o per fortuna fanno parte della vita.

Cosa facevi in Italia prima di trasferirti?

Quello che facevano molti venticinquenni Italiani, il lavoratore precario. Poi un giorno, stufo di vivere in un paese finito, dove non solo il lavoratore dipendente ha grandi problemi, ma anche il lavoratore autonomo, mi balen˛ l’idea di fare impresa in Italia.
Mi informai su tassazione e leggi e decisi di scappare pi¨ lontano possibile perchŔ mi resi conto che lavorare onestamente nel bel paese Ŕ impossibile.

Di cosa ti occupi ora?

Dopo 5 anni di percorso, tra successi e fallimenti, ora gestisco con mia moglie una Net Room. un centro estetico. Inoltre mi occupo di edilizia e di consulenza agli stranieri che vogliono investire in Vietnam, evitandogli molti grattacapi e perdite di tempo.

Ti sei trasferito solo o in famiglia?

Mi sono trasferito da solo.

Di che visto sei in possesso?

Io ho il visto matrimoniale ma una qualsiasi persona pu˛ richiedere quello turistico che vale 6 mesi con la possibilitÓ di rinnovarlo ogni 6 mesi.

Come mai hai scelto proprio il Vietnam per iniziare una nuova vita?

Il Vietnam l’ho scelto per amore della mia donna. ╚ grazie alla sua bravura e tenacia che ora sono riuscito ad avviare vari business, da solo non so se ce l’avrei fatta perche burocraticamente parlando Ŕ un paese molto simile all’Italia.
Comunque un po’ tutta l’Asia burocraticamente Ŕ chiusa, non Ŕ per i piccoli imprenditori stranieri.

Quanto tempo ti ci Ŕ voluto per ambientarti?

Non mi sono ancora ambientato al 100% e penso che non ce la far˛ mai. Culturalmente siamo opposti, ci possiamo incontrare su tanti punti ma su tutto Ŕ impossibile, almeno per me.

Quali sono le caratteristiche climatiche della zona in cui vivi?

Ci sono due stagioni: quella secca (che secca non Ŕ perche c’Ŕ sempre tanta umiditÓ) e quella dei monsoni. Le temperature variano dai 24 gradi ai 35 per quanto riguarda Ho Chi Minh City, ma al nord, a Sapa, a Dicembre nevica.

Consigli di stipulare un’assicurazione sanitaria privata?

Assolutamente si.

Che opportunitÓ di svago offre HCMC per le famiglie?

╚ una grande metropoli, c’Ŕ di tutto ed a 20 minuti di volo c’Ŕ l’isola di Phu Quoc, un paradiso tropicale.

Dacci dei consigli per fare impresa in Vietnam...

In questo campo Ŕ molto difficile dare consigli.
Se si ha un’impresa alle spalle e tanti soldi e si vuole delocalizzare qua Ŕ tutto fattibile; se si hanno pochi soldi e le idee confuse consiglio di venire in loco almeno un anno a sondare il terreno e farsi un’idea.
Una cosa che mi sento di dire Ŕ: non pensate di venire in Vietnam con 30-40 mila euro e di riuscire a fare qualcosa perche Ŕ molto dura. Di solito gli stranieri che aprono qualcosa, non parlando vietnamita, finiscono per fare un prodotto solo per stranieri, che per me Ŕ una cavolata visto che i Vietnamiti sono 100 milioni e il mercato Ŕ molto vasto.
Un consiglio vero che posso dare Ŕ imparare il vietnamita e buttarsi nel campo estetico.

Sei felice in Vietnam?

Io personalmente sono felice di vivere qui, ho un tenore di vita pi¨ alto che in Italia e adoro il caldo tutto l’anno.
La popolazione locale, al contrario di quello che scrivono molti turisti, Ŕ tutt’altro che felice. Qui per vivere bene bisogna guadagnare almeno 1.000-1.300 euro al mese a famiglia, un muratore ne guadagna 300.

Hai nostalgia dell’Italia?

Il discorso sarebbe lunghissimo, per˛ provo a scriverlo a mio modo: quando sono nostalgico e mi mancano i miei amici, cerco sempre di pensare ai lati negativi del vivere in Vietnam e a quelli positivi… e tutte le volte quelli positivi sono sempre pi¨ dei negativi!
Certo l’Italia manca ma il tenore di vita della mia famiglia non Ŕ minimamente paragonabile a quello di una famiglia media italiana, qui Ŕ sicuramente pi¨ alto e con un tenore di vita pi¨ alto posso permettermi pi¨ cose.
Fino a qualche tempo fa quando avevo un po’ di ferie prendevo l’aereo e tornavo in Italia, solo che facendo cosi mi perdo il resto del mondo e finisce che passo la mia vita a fare la spola tra Italia e IL Vietnam perdendomi tutto il resto e secondo me Ŕ sbagliato. Perci˛ che faccio? Niente di che, ho fatto questa scelta di vita e non voglio tornare indietro.

Risparmia sui costi del trasloco

Richiedi un preventivo gratuito e confronta prezzi e servizi di traslocatori internazionali.