Bruno a Vienna: " Qui tutti rispettano le regole "

  • Bruno a Vienna
Intervista
Pubblicato 3 anni fa
La crisi che attraversa l'Italia costringe Bruno a chiudere l'attività aperta trent'anni fa. Decide di trasferirsi a Vienna dove lavora come cuoco.
bruno.palomba

bruno.palomba

Ciao Bruno, grazie per averci concesso un po' del tuo tempo per l'intervista, hai voglia di raccontarci un po' di te e dei motivi che ti hanno spinto a trasferirti in Austria?

Allora in primis, diciamo che Vienna è stato sempre il mio desiderio, poi causa crisi economica e il periodo nero che si vive in italia, e dovendo chiudere la mia attività trentennale senza pensarci su son partito per l’Austria.

In quale parte del paese ti trovi e di cosa ti occupi attualmente?

Io mi trovo a Vienna e faccio il cuoco in ristorante che con la mia presenza è diventato di cucina italiana.

Prima di lasciare l'Italia hai avuto delle incertezze per quanto riguarda l'adattamento alla nuova realtà?

Sono uno che si adatta facilmente, poi alla fine ti vedi anche costretto dalle circostanze.

Come giudichi il costo della vita a Vienna?

Vienna è una citta dove i costi sono di poco inferiori all’Italia, poi dipende da quello che vuoi, esempio la benzina costa euro 1.40, assicurazione auto la meta’ ecc...

Quali sono secondo te le cose più importanti da fare a livello burocratico appena ci si trasferisce in Austria? Tu come ti sei mosso?

Io a dire il vero non mi sono mosso per niente. Il mio datore di lavoro ha proceduto per i documenti. Ho fornito solo la mia fedina penale e documenti di lavoro in Italia ma trattandosi di città europea serve ben poco.

A livello lavorativo, com'è la situazione in Austria? Quali settori potrebbero secondo te offrire opportunità ad un Italiano che volesse cercare lavoro li?

L’Austria è il paese europeo con minor numero di disoccupati, il lavoro di ristorazione si trova chiaramente non è retribuito come in Germania. Qui la paga è discreta ma non eccellente, comunque ti permette di vivere divinamente.

Ci potresti consigliare dei siti on-line o degli uffici per il lavoro?

Per l’estero un sito importante è mitula, poi joble, vivastret, ma credo che digitando cerco lavoro in Austria da google ti escono un bel po' di siti, anche io mi sono servito di questi annunci.

Hai riscontrato delle diversità tra il mondo del lavoro italiano e quello austriaco?

Certamente, qui non esiste lavoro nero, gli orari sono rispettati e c'è rispetto tra datore e dipendente, cose che in Italia molte aziende non fanno.

Qual è il modo migliore per cercare alloggio a Vienna: consultare siti immobiliari on-line, annunci sui quotidiani oppure agenzie immobiliari?

Siti immobiliari in modo che puoi tradurre con translate se non conosci il tedesco, le agenzie immobiliari italiane non si trovano a Vienna.

Per affittare un alloggio, sono richiesti dei documenti in particolare?

No, qui è come in Italia, pigioni anticipate e contratto d’affitto.

Per concludere ti vorrei chiedere sotto quali aspetti è migliore la tua nuova vita rispetto a quella che facevi in Italia? Ci sono, di contro, dei risvolti meno gradevoli?

Allora diciamo anche che Vienna per diversi anni è stata la citta europea piu vivibile ma non è un paradiso meglio sottolinearlo, la popolazione è multirazziale, qui ci sono Arabi, Turchi, Albanesi etc etc e tutti rispettano le regole. Esempio, nel metro’ non ci sono biglietterie, acquisto tramite apparecchi automatici e tutti pagano. Le piste ciclabili? Occupate solo da bici o monopattini, immense zone verdi e parco giochi sempre in ordine.
Risvolti meno gradevoli? Per il momento non li noto…