MI presento

Ciao mi chiamo Gian Luca e ho 46  anni. ho ricevuto una proposta dalla mia azienda per trasferirmi a Houston (e/o salt lake city in un secondo momento). abbiamo due bimbi di 8 e 4 anni, siamo amanti della natura e dello sport. abbiamo già vissuto all'estero quando mia figlia aveva 4 anni (e dove è nato mio figlio) ma era un paese completamente diverso: Mumbai!
per ora si parla di 4 anni minimo, ma non si sa mai. siamo molto dubbiosi perché amiamo l'Italia e stiamo cercando tutti di pro e con per decidere serenamente. Ciao Gian Luca

Ciao Gianluca,
noi abbiamo vissuto 2 anni a Houston, perché mio marito è stato mandato lì per lavoro, dall’estate 2015 fino allo scorso luglio 2017.
Quando siamo partiti, nostra figlia aveva 6 anni, ne compiva 7 a fine settembre, quindi ha fatto 2 anni di scuola a Houston.
Per la mia famiglia ed in particolare per mia figlia è stata un’esperienza ottima, anche se è innegabile per noi europei percepire il grosso salto culturale che ci divide dagli americani, sarebbe a mio parere poco obiettivo non riconoscerlo.
Preso atto di questo, io non ti posso dire altro che  bene. Le scuole (elementari ovviamente, che sono quelle che io ho sperimentato) sono molto buone. Noi vivevamo nella zona di Houston chiamata Energy Corridor, dove ci sono la maggior parte delle società che operano nell’oil and gas, per cui mia figlia ha frequentato una scuola privata internazionale la Yorkshire Academy, che si trova in quella zona (vivamente raccomandata qualora doveste vivere in zona). In ogni caso anche molte scuole pubbliche  sono buone (in America hanno un rating), e per poterle frequentare devi vivere nel quartiere di competenza. Ovviamente più la scuola è buona, più i quartieri sono ambiti e costosi, però il lato positivo è che dove ci sono buone scuole, ci vivono molte famiglie con bambini. Poi sulle scuole ti potrei dire tantissimo, se doveste decidere per Houston ci sentiremo ancora. Tieni presente però che se doveste trasferirvi per il prossimo anno scolastico 2018/2019, adesso è un po’ tardino per fare le application nelle varie scuole.
Per il resto, io ritengo che, pur essendo una città immensa, sia una città dove le famiglie con figli possono vivere bene. Se siete amanti della natura e dello sport, va benissimo perché c’è un’ampia scelta di parchi immensi, dove fare moltissimi sport. Purtroppo a Houston ci si sposta solo ed esclusivamente in macchina, i mezzi pubblici sono molto scarsi e non troppo ben frequetati. Questa cosa la si deve mettere in conto, le distanze sono immense e anche chi non lavora ma fa solo la mamma, deve tener presente di passare un bel po’di tempo in macchina, poi ci si fa l’abitudine. Per questo motivo è vivamente consigliato trovare casa e scuole nella stessa zona o non troppo lontano dal lavoro, perché se no può diventare un incubo. Come città non è bella, la più simile è Los Angeles (se la conosci), molto diversa da città come New York o Boston, per intenderci, però ci si sta bene.
Finendo, perché sono andata troppo lunga, dicevo che ci si vive bene, soprattutto i bambini dell’età dei tuoi figli (mia figlia non voleva assolutamente tornare e ci ha messo molto di più a riabituarsi alla scuola italiana, anche se va in una privata bilingue, che non alla scuola a Houston che lei adorava). Pensandoci adesso, che siamo rientrati in Italia, alcune cose mi mancano molto, altre proprio per niente, tra queste ovviamente il cibo, questo capitolo è forse il più critico. Basandomi sulla nostra esperienza, ti direi partite, soprattutto per i vostri figli potrebbe essere veramente una bella opportunità.
Spero di essere stata d’aiuto, perché so che non è una scelta facile. In bocca al lupo.
Saluti Elisabetta
, ,

Ciao mi chiamo leonardo 46 e con mio figlio 26 siamo in partenza (ottobre) per houston per lavoro .cerco amici per adattarmi magari informazioni ... grazie

Nuova discussione