Close

Help!! consiglio

Salve,
            mi chiamo Luca e sono uno dei tanti piccoli imprenditori artigiani arrivati allo stremo.
Opero tutt'ora nell'azienda ereditata dalla mia famiglia,fondata nel 1968.come azienda e come persona,ne abbiamo viste e vissute di tutti i colori,nonostante tutto cio',arrivato all'età di 42 anni con famiglia sulle spalle,mi trovo ad un bivio molto oscuro.
Come azienda operiamo fin da sempre,ora io e mio fratello,nel settore del marmo,sia per l'edilizia ,sia per l'arredamento in genere.
Nel corso degli anni abbiamo seguito i percorsi altelenanti del settore.Fin da subito,con il bum economico edile,fornivamo le imprese , davanzali in marmo o granito,per finestre,gradini per scale,pavimenti,finiture di facciate capitelli ecc.Poi negli anni 90 con l'avvento di tecnologie moderne ,per quanto riguarda in macchinari computerizzati,anche per il settore del marmo,ha trovato un ampio spazio nell'arredo in genere:tavoli, console,piani da bagno,piani cucine,caminetti ed in tutto quello che era possibile relaizzabile,fino al 2002/2005,poi c'è stato un rallentamento costate in anno per anno fino a venir inghiottiti in questa cosidetta "crisi".Da 5 anni piu' o meno,abbiamo ridotto il personale da 10 persone fisse in laboratorio a 1+ 2 che siamo io e mio fratello.A tutto questo si è arrivati ad una somma di fattori rischio che tutt'ora non vengono risolti da chi ci governa e chissà quando verranno risolti:la poca chiarezza negli appalti,i mancati pagamenti,i pagherò e tutta la burocrazia che soffoca il piccolo medio artigiano.
In questi ultimi anni ci siamo dedicati a servire alcune ditte di arredamenti di lusso,che esportano al 90% all'estero.Si eseguono anche dei bei lavori stimolanti con materiali pregiati,di fattura complicata,ma alla fine dei giochi,rimaniamo sempre terzisti,come me ci sono anche altre aziende e giocare al ribasso non giova a nessuno,oltre ad sollecitare costantemente i pagamenti che tardano mese in mese senza giustificazione.
Scrivo tutto  ciò,descrivendo in maniera sintetica un  po' il mio malumore e preoccupazione per l'imminente futuro,chiedendo consiglio a voi sicuramente piu' esperti  sul come muovermi e se ne vale la pena.
Sono ormai 30anni che opero nel settore del marmo,occupandomi sia seguendo mio padre ed anche da solo,dalla visione del blocco di marmo in cava,seguendo passo passo,a seconda dei pregi o difetti,della sua destinazione.ho operato con molteplici macchinari,dal taglio dei blocchi,alla qualificazione delle lastre,alla resinatura,alla lucidatura,alla scelta del materiale per la realizzazione dei progetti,all'ottimizzazione del magazzino a quella del personale,alla discussione dei progetti con geometri ed architetti,oltre ad aver conseguito un diploma in CadCam e per  la programmazione di macchine CNC che attualmente occupano il 70 % dei laboratori.
Sarei disposto di chiudere anche l'attività e spostarmi all'estero ,offrendo la mia esperienza in questo settore.Documentandomi in rete,ho visto molte annuci ed aziende molto grandi che operano nel settore marmo/granito.
Ovviamente non posso farlo alla cieca e spero che queste righe possano avere un riscronto positivo.
Nel ringraziarvi del vostro tempo
vi porgo i miei piu' distinti saluti
Luca

Nuova discussione

Traslocare negli Emirati Arabi

Consigli per preparare un trasloco negli Emirati Arabi