Close

Moglie non residente

Siccome mio marito può usufruire della detassazione mentre io no, stavamo pensando di fare la richiesta per residente non abituale solo per mio marito mentre io manterrei la residenza a Roma.
Ovviamente io e mio marito resteremo insieme sia i 6 mesi e più in cui saremo in Portogallo sia il periodo in cui vorremo tornare in Italia.
Volevo chiedere se questo è possibile o se crea problemi.(in Portogallo o in Italia)
Devo fare qualche richiesta al comune in cui prenderà la residenza mio marito ?
Devo uscire dal Portogallo dopo 90 giorni da turista ? Come mi devo comportare con la sanità ? (non ho particolare patologie )
Grazie a chi vorrà rispondermi
Patrizia

Ciao,  se ne è parlato poco ma qui trovi qualche riferimento alla POSIZIONE tra coniugi.

http://www.expat.com/forum/viewtopic.php?id=548935
-----------------
caterinamaria
Ciao Alexmarti,
anche io volevo fare come tua moglie, ma un avvocato fiscalita italiano mi ha scongliato questa scelta almeno che non venisse formalizzata una separazione
Un saluto.
-----------------
alexmarti
Anche io sono andato da un commercialista il quale mi ha detto che non ci sono problemi se mia moglie non vuole trasferirsi in quanto è libera di fare quello che vuole anche se non c'è separazione.
Capisco i dubbi dell'avvocato in quanto siamo in Italia e bisogna sempre guardare le cose dal punto di vista peggiore. (ovvero: diniego da parte dell'agenzia delle entrate dell'esenzione fiscale)
-----------------


E' tutto relativo al centro degli interessi (affettivo, economico e sociale .... la triade !)
Ci sono sentenze di Cassazione che sanciscono primario questo vincolo al fine di identificare l'effettiva residenza ai fini delle imposizioni  fiscali.
In pratica non dichiari di essere in PT se il resto della famiglia rimane in ITA


QUI

dirittobancario.it/giurisprudenza/fiscalita-internazionale/la-corte-di-cassazione-si-esprime-sulla-residenza-fiscale-delle-persone-fisiche

....................Sintetizzando i principi appena espressi in rassegna, osserviamo come la più recente giurisprudenza, quale criterio di individuazione della residenza fiscale di un individuo, abbia inteso dare impulso al luogo nel quale sono prioritariamente localizzati gli interessi economici ed effettivi della persona, partendo dalla sfera delle relazioni personali, inteso come insieme degli interessi morali, sociali e familiari del contribuente (tra gli altri, Cassazione Civile, Sentenza n. 12311/2016 e Cassazione Civile, Sentenza n. 9723/2015), fino a giungere alla sede principale dei suoi affari e degli interessi economico-patrimoniali........................

Anche se (credo)  sia  più applicabile ai paesi in cosiddetta LISTA GRIGIA cioè SVIZZERA Princ.Monaco ecc.  per i quali l'onere della prova è a carico del contribuente.

Per i Paesi UE l'onere della prova è a carico di Ag.Entrate .

Ciò non toglie che in caso di controllo  è meglio essere INOX
... cioè inattaccabili dagli agenti .... A... tmosferici  ;)

Ciao Proffa51
                       si ma appunto.... se mia moglie (non residente in Portogallo a differenza di me) sta con me 180 giorni in Portogallo e io con lei 180 giorni in Italia e tutto ciò è dimostrabile tramite il tele-pass della sua auto targata Italia (che io non posso guidare in Portogallo), la sua carta di credito, il suo cellulare o quant'altro che lascia traccia, sia quando è in Italia, sia quando è in Portogallo...il problema affettivo mancato, non dovrebbe sussistere....non credo che addirittura si voglia incentivare le separazioni.
Saluti
Fabio

Ciao Fabio1399

...non credo che addirittura si voglia incentivare le separazioni.

... a   "loro" questo non interessa minimamente.

Ciao Sbertan!!
Ma te sei proprio l'avvocato del diavolo....Bene! Visto che qua si trova di tutto!!
Grazie
Fabio

...  o  quel "diavolo" di avvocato ...  :D

Fabio , io e mio marito per adesso abbiamo deciso di lasciar perdere proprio per tutte le difficoltà che si prospettano.A conti fatti a noi non conviene.In Portogallo ci andremo da turisti.

Peccato!! Ripensateci!!

Questa e anche la nostra idea.
Mio marito in quanto pensionato  residenza in PT, io residente in Italia con dovuta assistenza sanitaria e casa di assistenza privata , ed stare insieme sia in IT sia in PT con i tempi dovuti di 180+1 gg.
Cosa c'è di non legale in questa situazione?

nulla mi sembra
é esattamente la mia:
io RNH in Portogallo,
mia moglie residente in Francia
assistenza sanitaria in entrambi i paesi
con assicurazione per farsi rimborsare il ticket

Nuova discussione