5 sbagli da evitare quando ci si trasferisce in Portogallo

Buongiorno a tutti,

Facciamo appello a voi che già vivete nel paese per chiedervi: quali sono gli sbagli da evitare appena arrivati in Portogallo?

A volte la mancanza di informazioni, l’inesperienza o l’impatto con una nuova realtà ci porta a fare dei passi falsi e con il senno di poi ci diciamo: “Se l’avessi saputo avrei cercato casa in quel quartiere oppure mi sarei comportato in tal maniera piuttosto che…”.

Quali sono gli errori che avete fatto freschi di trasferimento in Portogallo e come avete ovviato? Potendo tornare indietro cosa fareste diversamente?

Che consigli potete dare ai futuri espatriati per evitare che vivano la vostra stessa situazione?

Grazie per condividere la vostra esperienza,

Francesca

Trovo che i 5 errori maggiormente commessi siano:

1_  Confondere la miseria con la povertà. Vero, i portoghesi hanno mediamente meno soldi di noi, come reddito pro-capite, sono tuttavia estremamente dignitosi ed orgogliosi, ed amano la loro terra più di quanto lo si immagini, o perlomeno più di quanto avviene in Italia.

2_ Immaginare di farla da padroni. Se è vero che noi italiani abbiamo un tenore di vita mediamente più alto dei portoghesi, è pur vero che a fronte di un trasferimento andiamo a scontrarci con una realtà ampia, dinamica, in continuo movimento. E spesso le regole del mercato vengono dettate da paesi mediamente più ricchi del nostro, esempio Francia, Gran Bretagna, Svezia, Norvegia eccetera, più presenti di noi nel territorio, addirittura circa 10 volte tanto.

3_ Mancare di rispetto per un ingiustificato senso di superiorità. Tra qualche anno i portoghesi ci spiegheranno l'educazione civica che noi stiamo perdendo, ne sono certo.

4_ Crearsi un'aspettativa, bella o brutta che sia. I profumi della natura, la limpidezza del cielo, la cordialità delle persone, quella sensazione che non ti stiano mai derubando, quei continui " bom dia" camminando per le strade hanno un fascino perduto ormai nella nostra cultura. E fa piacere riscoprirlo.

5_ Credere di poter studiare a tavolino il prossimo futuro già dall'Italia, completamente. E' vero che a trasferirsi siete in molti, diciamo, con qualche anno sulle spalle, ma visti i presupposti positivi ormai iper descritti anche su questo forum... abbandonatevi alle emozioni, cercate la vostra dimensione una volta arrivati, girate, viaggiate alla scoperta di nuove mete e località.
Ma la vita non dovrebbe essere bella proprio per questo? cosa c' è di meglio che viaggiare, esplorare, conoscere, valutare in prima persona... o addirittura di un cambiamento non drastico che tra l'altro spezza la monotonia di tutti i giorni? DI-VER-TI-TE-VI.
Non esiste un'età anagrafica in cui tutto questo non è concesso.


Un caro saluto a tutti altrimenti vi annoio.

Maurizio

Bella domanda! ...penso che innanzi tutto ci deve essere una motivazione valida per trasferirsi ,,,dopo, prima di decidere la città di destinzione  si dovrebbero fare alcuni viaggi .... io li ho fatti sulla zona di
Lisbona e poi su Porto prima di prendere la decisione di trasferirmi ...Se alla base c'è una scelta di vita non si dovrebbero commettere grandi errori ... io avevo bisogno di vivere in un posto a dimensione umana che mi appagasse fisicamente e spiritualmente ,,, Ho trovato casa a due passi dall'oceano e dal centro ... mi muovo con i mezzi  pubblici o a piedi riscoprendo dei tempi insospettati e per il momento va tutto bene! la gente mi sembra più felice, ci sono molti bambini e ... strano a dirsi hanno una predilezione per noi italiani.
... Poi alla fine questa non è una strada a senso unico! ...

ciao Mario
sono d'accordo con tutto quello che scrivi
se abiti a Porto mi piacerebbe incontrarti,
io abito alla Foz do Douro
un caro saluto
Dario

Buona sera Dario, io abito a Foco, certamente ci possiamo incontrare anche perchè quasi giornalmente scendo con il pulman al mercato di foz e faccio una passeggiata sull'oceano ...
ci possiamo dare un appuntamento allo chalet degli inglesi ... (quello con le bandiere).
... non conosco ancora bene le funzionalità di Expat ...
se si possono mandare messaggi privati per non disturbare gli altri utenti
Mario

ciao Mario,
io abito a dieci minuti dal mercato di Foz
adesso sono in Francia, saro' di nuovo a Porto inizio maggio
se ho ben capito si possono mandare messaggi personali con i propri riferimenti
un caro saluto Dario

ciao a tutti,
vi do la mia opinione, conosco il Portogallo da 35 anni, parlo correntemente portoghese e penso di conoscere almeno un po' il popolo lusitano per aver a lungo lavorato con loro

primo consiglio il contatto
i portoghesi sono completamente diversi dagli spagnoli castigliani, un po' meno dai galleghi, che parlano un idioma simile,
quindi evitate assolutamente di fare amalgami, si offenderebbero, sarebbe come dare del francese ad un corso o dell'inglese ad un irlandese

primo bis la lingua
evitate quindi di parlare spagnolo pensando che ci si capisca meglio, non é così', meglio iniziando ad imparare il portoghese (cosa indispensabile se si vuole inserirsi pienamente in un paese) imparare qualche parola facile tipo "fare divagar" (parli lentamente) cercando di farsi capire in italiano
imparare il portoghese E' INDISPENSABILE

secondo consiglio le relazioni
i portoghesi sono un popolo, lusitano, etnicamente abbastanza compatto, ne sono molto fieri
hanno avuto una storia molto sofferta ed hanno da questo tratto una grande fierezza e sensibiltà
sono estremamente gentili ed educati ma molto riservati
non é quindi facilissimo stringere amicizie "all'italiana o alla spagnola", sarà necessario andare con molta cautela e vincere una certa iniziale timidezza
certamente in città come Lisbona o in zone turistiche la gente é molto piu' abituata ad avere a che fare con stranieri
una volta entrati in confidenza si avranno amicizie vere, sincere e durature

secondo bis tu voi e lei
i portoghesi, soprattutto oltre trentenni, sono molto cauti nel dare del tu, tanto é vero che i brasiliani l'hanno eliminato per il "voce" che sarebbe l'inglese you
quindi fate attenzione al lei "o senhor, a senhora", al voi "você" e passate al tu solo quando siete certi che sia apprezzato

terzo i titoli di studio
i titoli ed i diplomi sono molto rispettati, quindi se siete laureati, non esitate a mettere un Doutor o un Engenheiro sul vostro indirizzo, ed altrettanto per l'interlocutore, cosi' l'Avvocato chiamatelo Advogado o Doutor e dategli del lei, almeno all'inizio
i portoghesi usano addirittura (come gli austriaci) il Senhor Doutor,
i Brasiliani fanno ancora piu' attenzione ai titoli
la confidenza va conquistata ed il rispetto dato, la familiarità a primo contatto non é apprezzata

quarto consiglio la cucina
attenzione alla cucina locale, a volte é un po' pesante, i portoghesi usano molto l'olio fritto, e le fritture in genere

quinto consiglio la circolazione
i portoghesi sono generalmente molto rispettosi del codice, quindi rispettate i passaggi zebrati, i semafori, le aree di posteggio, i posti degli handicappati, ecc...

sesto consiglio il cosmopolitismo
i portoghesi sono un popolo di esploratori, i loro monumenti sono rivolti verso l'oceano, le colonie hanno avuto l'indipendenza solo nel '75 e sono ancora molto legate al Portogallo, cos' come il Brasile, quindi nonostante il livello di vita non abbia permesso grandi viaggi come per gli altri europei , hanno una mentalità veramente cosmopolita, anche se non hanno "fatto" le Maldive o il Tibet

altri mi verranno in mente e leggero' con estremo interesse altri commenti ed altre esperienze

un caro saluto a tutti
Dario

Mario1949 :

se si possono mandare messaggi privati per non disturbare gli altri utenti
Mario

Buona idea cosi la discussione non va fuori tema  :offtopic:

Per accedere alla messaggeria privata cliccare su icona a forma di busta da lettera che si trova in alto a questa pagina, lato destro.

Buongiorno Sig. Dario, quando Lei parla del Portogallo io rimango incantata. ...un problema medico mi ha fatto posticipare mia vacanza ad ottobre e sono certa troverò le caratteristiche così ben descritte . Non credo un giorno rimpiangerò la scelta di lasciare l Italia..

Questi sono consigli preziosi, grazie!
Mario, Forlì

Condivido  lo "spirito" espresso e l'obbiettivo .

grazie cari amici,
io riferisco la mia esperienza, visto che cresce esponenzialmente il numero di stranieri, specie francesi ed italiani, non devo essere il solo!
speriamo che gli eurotassocrati non abbiano qualche idea tipo Grecia (poveri greci, distrutti dall'Europa dei banchieri)
un caro saluto
Dario

DARIO ALFREDO VIALE :

speriamo che gli eurotassocrati non abbiano qualche idea tipo Grecia (poveri greci, distrutti dall'Europa dei banchieri)

Lo vedi ?? L'unico percorso possibile e' quello rivoluzionario  :D  :D  :D  :D  :offtopic:

hai ragione, ma per uno della generazione del 68 la rivoluzione é solo piu' un ricordo di giovinezza!
mandami messaggi privati, cosi' possiamo divertirci a duellare senza incorrere in scorrettezze
vedrai che il nostro modo di sentire non sarà' molto diverso
un caro saluto
Dario

DARIO ALFREDO VIALE :

mandami messaggi privati, cosi' possiamo divertirci a duellare senza incorrere in scorrettezze

Raccolgo il frutto dei miei sforzi  :D  :D  :D

Grazie Dario!

:D  :D  :D

Questo mi pare il più bell' elogio per Portoghesi e  Portogallo...

Leggendo questo e molti altri post del sito, mi sono fatta un'idea abbastanza completa su quello che mi aspetta la prossima settimana nel mio giro esplorativo nella zona di caiscais  :-)

Anche per me è stata una sorpresa gradita scoprire la gentilezza e disponibilità dei portoghesi.
Io e mio marito siamo stati molto aiutati  durante le farraginose pratiche burocratiche avendo anche l'handicap della lingua.
Noi ci siamo stabiliti a Lisbona., Di questa meravigliosa capitale abbiamo apprezzato anche le iniziative culturali.
Abbiamo visto molti bei film in italiano in occasione del 10 festival del cinema italiano e molto interessante è stata la presentazione del libro di Federico Rampini all'Istituto di cultura italiano..
Che desiderare di più ? .
Non si deve commettere errore di fare tutto subito però.  Sempre  un passo per volta ci ha insegnato l'esperienza e con molta pazienza .
Si ottiene collaborazione e stima se si rispettano i loro tempi.
In bocca al lupo a tutti quelli che stanno facendo il grande passo !!!

Buongiorno a Tutti,
sarò  alquanto pragmatico sperando comunque che si possa trarre qualcosa di utile per coloro che intendono trasferirsi all'estero.
Delle decisioni sofferte ad età avanzata non possono lasciare spazio, in seguito, a dubbi o incertezze.
Non perché  si é  infallibili  ma perché una volta presa la decisione quest'ultima non consente ritorni di nessun tipo.
É  impossibile sapere quali possano essere gli errori da evitare; basti pensare che tutto, dico tutto si presenta per la prima volta, dico per  tutto si dovrà decidere per la prima volta così  come tutto si dovrà  fare e affrontare per la prima volta.
Dal cercare casa, al fare la spesa,  un c/c postale,  da individuare il medico, da imparare la lingua, a conoscere i mezzi di trasporto, a comprare qualsivoglia necessità ed anche, il trovarsi di fronte alla emergenza. Come nel caso, trovare l'idraulico o l'elettricità o peggio ancora qualcuno che ti apra la porta di casa perché  ti sei scordato le chiavi.
Per evitare gli errori ci vorrebbe solo la "palla di cristallo".
L'unica salvezza é il bagaglio di  esperienza che ciascuno si porta appresso.
Sarebbe bello se esistesse un protocollo di vita che possa permettere di evitare errori o di avvalersi dell'esperienza altrui.
Ricordiamoci che ognuno vuole fare la sua esperienza, d'altronde così  deve essere, ed é  quindi quasi indifferente all'esperienza  maturata dagli altri. 
Un consiglio che mi sento di dare é  di non volere a tutti i costi lasciare il certo per l' incerto e di non farsi abbagliare da una questione di fattore economico.
La scelta di fare un simile passo deve essere soprattutto  motivata da ragioni molto più serie e di queste ognuno ne deve profondamente  conoscere le proprie.
Questo tipo di esperienza non può essere  esportata né protocollata.
Il passo va fatto se proprio non se ne può più della vita che si é fatt o subita  fin'ora.
Suggerisco comunque, una volta presa la decisione, di farsi aiutare per quanto possa riguardare l'aspetto della logistica e il disbrigo delle pratiche in loco.
Molto cordialmente,  alfredo luigi caruso

Quelle date dal Signor Viale sono considerazioni azzeccatissime e spero tanto che le persone che si stabiliscono in Portogallo ne facciano tesoro. A me il Portogallo sembra qualcosa come l'ultimo baluardo, nella nostra Europa, della buona educazione, del garbo e del rispetto.  Mi sembra duro quando devo lasciarmelo alle spalle. E non vedo come ci si potrebbe pentire di soggiornarvi... il più a lungo possibile.
Per il resto e quindi in generale, il vero disastro è stato il modo di "gestire" da Bruxelles. E per non dire poi dell'euro condito dalle bugie, poi anche con il tentativo di livellare tutto a misura di chi impone... Proprio il contrario di come avrebbero dovuto essere o restare le cose: variegate e tipiche in ogni paese e cultura.  C'è da sperare che il Portogallo riesca a restare il Portogallo, con la sua grande dignità e i  valori che resistono alle intemperie...di ogni tipo.  Dai portoghesi c'è molto da imparare.

Assolutamente condivisibile. Grazie

Condivido al 90% , non tutto è colpa di Bruxelles  ..., anzi , diciamo soprattutto colpa nostra ,  i nostri politici si son fatti "sempre belli" ed in maniera incondizionata ...a firmare  "trattati" da ogni parte ,....poi non li rispettiamo.....e ci lamentiamo....addossando la colpa all'Europa.!!! Sono venticinque anni ed oltre che i nostri governi  ogni volta "   dichiaravano " di voler fare le "riforme " ....quante ne sono state fatte ? Quelle poche e magari male ....bocciate dal "popolo bue " !!! La colpa non è di Bruxelles.....ma solo nostra !!! Gli interventi del " Forum " ci chiarisce :..... si rimane colpiti dall'educazione civica , rispetto delle regole, dignità ecc. dei portoghesi , ....da noi parliamo e solo parliamo di "diritti".....la parola " doveri" non esiste, siamo , in breve , una  "  nazione  "  se lo siamo mai stata,  in decadenza  verticale .....e a mio parere  non c'è più speranza  per questa società ! Si deve " azzerare " tutto ???

ok capito!!!!! ora sento un mio amico se gli è avanzato un bel diluvio universale e casomai me lo faccio prestare.
Per azzerare tutto è l'unico modo,caro mio.

Cari Amici,noto in voi tanta insoddisfazione,stanchezza di un paese che è pur sempre la nostra terra,usi e costumi e cultura che vengono da lontano,fastidi immensi di gente che dovrebbe lavorare per il popolo,ma ha sempre lavorato per loro  e per il giardinetto delle parentele di gente dell est che ci massacra e poveri immigrati che li trovi oramai in tutti i paesi quando va bene fuori dai bar o nei centri commerciali,dove anche il più tollerante di noi è stanco,vedere i nostri figli che fuggono all estero per avere un barlume di speranza di lavoro.+Siamo pensionati magari con acciacchi,ma non ciechi.
E allora eccoci qui di fronte a delle nostre scelte di vita che dovrebbero essere dettate per primo da tante altre motivazioni,e poi dall esentasse 10 anni.
Io ho dei bimbi,andiamo come lo fecero i nostri precedessori da immigrati,senza paura con la certezza di sapere cio che troveremo,e sappiamo gia cosa in Portogallo,e la consapevolezza di cio che lasciamo ,l Italia e su questo dissento con il sign Alfredo sul fatto che indietro si può tornare eccome.
Cordiali saluti a tutti
Fabio

A Remo Romandini, già.... dimenticavo (non essendo italiana...) e devo quindi dire che hai ragione... all'80% almeno.  Io, come svizzera, non ho vissuto questo inchinarsi a chi sa imporsi proprio per non avere da soli saputo organizzarsi e "rigar dritto" prima...  Noi ce l'abbiamo nel DNA l'elemento dell'autoresponsabilizzarsi e del non tollerare (esagerate) ingerenze. Ma Bruxelles torchia e stringe le viti e mette condizioni da vero capestro. Ci sono molte manipolazioni e condizionamenti del tipo "se tu non accetti, allora facciamo saltare questo e quello degli accordi bilaterali"...
Resta il fatto che per es. la moneta dell'euro è stato qualcosa di orchestrato malissimo.  Inoltre, non si può costruire un'Europa (per giunta allargata), senza che ci siano le premesse giuste e a cominciare da un'organizzazione di tipo federale.  Seppoi vi si aggiunge l'immaturità dei paesi che hanno considerato, con l'abbassarsi dei tassi ipotecari in relazione all'entrata in vigore dell'euro, che si fosse entrati nel Paese dell'albero della cuccagna, il disastro era assicurato.   Ma, per esempio, il rispetto dei parametri di Maastricht dovevano essere rispettati, primo fra tutti proprio dalla Germania... e per cui hanno chiuso entrambi gli occhi sui bilanci "truccati" della Grecia e visto che non puoi far rispettare un bel niente, se non rispetti tu per primo....  Direi quindi che gli elementi (di immaturità, incapacità, incoerenza, superficialità e, quindi, irresponsabilità) c'erano tutti e... da tutte le parti!  :joking:

Ciao Lavinia , (ci conosciamo già ...!) , tu provieni da una cultura ove il rispetto delle regole è basilare  e l'educazione civica  è insita  , da noi dobbiamo fare leggi "speciali " per combattere quelli che in maniera , anche arrogante , occupano regolarmente spazi riservati a portatori di handicap .. , per esempio  e che comunque nessuno rispetta , da noi il furto di una bicicletta , nemmeno viene più denunciato....poiché è perdita di tempo ! Siamo un paese ove le  riforme  sostanziali per la scuola  sono state quelle di eliminare l'insegnamento dell'educazione civica ! Il truffatore , lo scaltro nell'aggirare  è considerato  ....persona capace .. . Stiamo in  un paese bellissimo, ricco ...di tutto , ma non siamo capaci di meritarcelo , anzi ci stiamo mettendo il peggio di noi per affossarlo definitivamente .
Scusami ma non mi va di andare oltre .

Buonasera, non mi piace tantissimo entrare su questi temi filosofici, ma ci entro perché ,nei diversi commenti ,non ho visto una indicazione essenziale. L'esempio. Noi parliamo in positivo ed in negativo dei cittadini italiani, ma mai ammettiamo che anche noi facciamo la nostra parte. Basta vedere la guida dell'auto, in Portogallo I più rispettano le regole e noi seguiamo il loro esempio. Se qualcuno si comporta male viene ripreso, e noi in Italia riprendiamo qualcuno per il cattivo comportamento? No , perché abbiamo paura delle conseguenze o non ce ne importa nulla. L'esempio in Italia manca da parte di tutti, anche da parte nostra, nelle varie situazioni. Poi ovviamente qualcuno scriverà , parla per te perché io le regole le ho sempre seguite. Seeeeee

Buongiorno a Tutti,
non per pignoleria rispondo a Spak 2 per chiarire quanto da me sottolineato nello scrivere" non si ritorna in dietro":
Si fa riferimento a delle decisioni prese da persone, come il sottoscritto,  in  età avanzata e pertanto non è, suppongo, ordinario in primo luogo prendere una così ardua decisione per poi fare marcia in dietro per qualsivoglia motivo ( intendo  serio e anche grave e non certo di carattere futile e superficiale)
Ovviamente parlo per me e mi permetto  per coloro della mia età che hanno recepito il messaggio.
Sia ben chiaro, l'ho premesso fin dall'inizio di quanto ho scritto " sarò pragmatico etc..." senza alcuna intenzione di lanciare messaggi catastrofici ma solamente indirizzi chiari, corti e concisi.
Augurandomi di avere chiarito il mio pensiero e di avere dissipato qualsiasi forma di pessimismo o di rigidità e nel non avere soffocato l'entusiasmo di coloro che intendono prendere questo percorso,
molto cordialmente,
afredo luigi caruso

:sosad: Eh sì,  caro remroroma, purtroppo hai ragione! E...purtroppo l'ho dovuto constatare e...aspramente-duramente provare anche sulla mia pelle e anche sentendone riferire di tutti i colori, sugli e dagli italiani stessi, anche qui in Tunisia.... Mai avrei immaginato o creduto, altrimenti...  Sono tuttora esterefatta e per cui...parlo solo francese (non so se mi sono spiegata  :D  :unsure  :joking: )

Concordo pienamente anche se ancora non ho avuto il tempo per trasferirmi. Capisco dalle tue parole che conosci l'animo dei portoghesi che spesso agli italiani risulta incomprensibile talvez, eu tambem. Chiarisco: sono nata e vissuta in Italia e ho 53 anni ma sono figlia di genitori portoghesi, quindi conosco bene l'orgoglio e il forte nazionalismo dei portoghesi per via di precedenti viaggi che ho fatto in questa terra quando era ancora vivo mio zio Antonio Jose'. Ho intenzione di ritornare nella terra dove sono stata concepita, dove forse troverò qualche altro parente finora a me sconosciuto ( mia madre è molto riservata e non c'è verso di farle uscire dalla bocca altre parentele a lei gradite) ma ho anche timore proprio perché mio zio non mancava mai di ricordarmi che ormai " ero italiana" magari sarà solo un problema di questioni familiari irrisolte che non mi è dato sapere ... La mia domanda è la seguente: se torno parlando la lingua...anche se ancora da perfezionare per via della grammatica e non della pronuncia che assimilo facilmente perché è la prima lingua che ho imparato, ho qualche possibilità in più di essere accolta come compatriota o ci sarà sempre " quella diffidenza" che hanno spesso anche
molti Italiani verso i parenti che hanno vissuto per es.. negli USA? So che la domanda non è di facile risposta, spero di non essere l'unica che si pone o che torna a Lisbona dopo tanti anni. Gradirei....se ti capitasse l'occasione di casi simili, sapere anticipatamente con che predisposizione verrei accolta.
Grazie

Ciao Isaura38,
non sono sicura che ti rivolgessi (anche) a me, ma mi viene da risonderti spontaneamente perché... ho dovuto ridere e ti dico ora perché:   sai,  vale davvero il detto secondo cui  "tutto il mondo è paese" perché vedi,  pure io come svizzera, già da giovane mi ero assentata per studio e neppure per andare all'estero, a quel tempo. Ebbene, rientrando "a casa" ero già guardata con una certa diffidenza, come a dirmi "ma tu ora che ci fai, qui?"   Idem in seguito, avendo cambiato domicilio in diversi paesi, ero straniera in questi e pure nel "mio paese" appunto.  È un classico e di tutti, da quel che ho pure letto in interessanti considerazioni trovate anche nella letteratura:  non si è pienamente a casa dove si è andati a vivere e si è -più o meno- come stranieri dove prima si era di casa ... MA, un momento, il rimedio c'è eccome!   Secondo me, la ricetta per stare bene ovunque è essere sé stessi al meglio (ovvero con moderazione e discrezione).  Non bisogna né "snaturarsi", né cercare di sentirsi a casa a tutti i costi.  Soprattutto bisogna, se mi è concesso dirlo cosí, sviluppare radici solide ... in sé stessi.   :/  ;)      E dunque, non si deve neppure stravolgere la propria vita (o modo di essere  -e di "fare":   alcune abitudini si possono mantenere e aiutano come fossero pure quelle un punto di riferimento ...e familiare-). 
Semplicemente essere, questo è tutto (sottolineo "semplicemente")  :)   In questo semplice tutto, io credo sia contenuto in essenza tutto quello che da questo si può poi sviluppare e adattare secondo le persone che si incontrano e a seconda delle circostanze.   Ma "adattare" non vuol dire appunto recitare-alterare, e/o cercare chissà quali e quante supposte sintonie.  No, significa stare a vedere e in ascolto eppoi -come prima, suppongo, nel "proprio paese"- sintonizzandosi con le persone con cui si sentono affinità e/o simpatia. Basta. E senza né aspettarsi chissà che, né imponendosi con atteggiamenti di qualche o chissà quale "tipicità".  Io credo che ovunque bastino la cortesia, l'apertura, la serenità e questo, sulla base della fiducia (non solo di farcela, ma vivendo sempre con lo sguardo volto ai migliori lati dell'esperienza in corso),   Certo, ci  vuole anche parecchia disponibilità e radiando dall'albo delle speranze il capitolo "illusioni" ... Nel senso che non ci si deve attendere "cose o attenzioni particolari" e per poi restare delusi.  In qualsiasi posto si vada, sempre si porta con sé ... la propria persona.  Quindi, è questa che va' ben curata innanzitutto. I propri vuoti eventuali, malamente trovano di che riempirsi "fuori".  Aver cura della propria armonia interiore costituisce la premessa per praticamente sentirsi a proprio agio ovunque (beh... proprio ovunque no. Per esempio nella giungla con i serpenti e i ragni non ci starei davvero.  Nè nella sporcizia  :joking: ) .  Ad ogni modo, almeno per me, il segreto riguardo quello che dicevi "del come si possa venir visti e/o vissuti" è quello dell'aver messo le radici in sé stessi.  Questo vuol dire che la tua identità ce l'hai e la conosci.  Hai la tua, di personalità e le tue, di caratteristiche e di valori umani.... e quest'ultimi, oltretutto, sono internazionali  :D   
Da come hai toccato questo punto, pare che per te sia particolarmente importante sentirti accettata nel senso di venire riconosciuta come "appartenente a" (un gruppo, a "qualcosa"), vorresti "sentirti parte di" e... appunto... per poterti sentire "a casa".   Davvero credo che essere naturali e senza ansie sia LA ricetta.  Tu fai parte, come tutti, del mondo. Tu sei a casa... in e con te stessa... Le tue risorse le hai sempre con te e sempre le puoi, altrove, persino rafforzare...   
Da QUESTA premessa, ogni persona -indipendentemente dalla sua nazionalità- potrà sentire qualcosa di familiare in te.   E per giunta.... con il vantaggio di poi allora scegliersi per affinità vere; cosa che può ben essere assai più rilassante e piacevole che non viversi dentro le tensioni (quando ev. sussistono -dichiaratamente o meno-) di famiglia e/o  troppo attaccati al "familiare" anche e proprio come "noto e tranquillizzante" in quel senso, ma con un calo di stimoli per tutto lo scontato e consueto ... 
Quindi... si può stare benissimo ovunque si sia trovati (sé stessi) e per cui potendo lasciarsi anche trovare e/o incontrare persone che quindi lascino scaturire e scoprire qualcosa di familiare alla propria vera natura e modo di sentire...
Rilassati, la domanda a sapere "con che predisposizione" verresti o verrai accolta sarebbe fuori luogo persino .... da qualche cartomante   :o
Infatti :   TU con che predisposizione vai incontro all' "altro"  ?   Le relazioni umane funzionano "a specchio"!   Se tu vai incontro all'ignoto (della vita) e allo sconosciuto (come persona) con un atteggiamento naturale e rilassato, riceverai perlopiù la stessa identica "risposta" o riscontro.   Perché siamo tutti portatori dello stesso istinto animale, indipendentemente dalla nazionalità -diversa o uguale-:  la propria tensione suscita nell'altro ev. diffidenza e quindi tensione.  Il proprio stato rilassato segnala "non c'è nessun pericolo" e suscita analoga predisposizione a ... rilassatamente incontrarsi.   Quelli che invece, e comunque sia, guardano storto all'arrivo "della straniera", appunto, stanno storti - e allora non ci perdi niente, sono belle che identificati e... avrai guadagnato tempo, riconoscendoli subito. Ma sono del genere internazionale pure loro; nel senso che li si trova proprio ovunque. Proprio come a casa nostra....

P.S.  Avendo conosciuto bene gli spagnoli, direi di questi che sono orgogliosi... Dei portoghesi direi che sono fieri. E la fierezza loro trovo che bene abbia motivo di essere, viste le qualità che concordiamo su queste pagine avere noi in essi riscontrate ...

Cara Laviniavirginia la tua lunga risposta a isaura 38 è un pozzo di verità è tutti noi dovremmo riflettere sul modo di porci al nostro prossimo e sul concetto di radicamento che tu ben hai evidenziato.
Noi sìamo gli artefici del nostro destino , dentro di noi troviamo l indicazione del percorso . Dobbiamo pero prestare attenzione ai segnali interiori.
È vero il nostro prossimo e come uno specchio e vengono avanti le persone con le quali abbiamo esigenza di scambiare esperienze.

Rosayoga :

Cara Laviniavirginia la tua lunga risposta a isaura 38 è un pozzo di verità è tutti noi dovremmo riflettere sul modo di porci al nostro prossimo e sul concetto di radicamento che tu ben hai evidenziato.
Noi sìamo gli artefici del nostro destino , dentro di noi troviamo l indicazione del percorso . Dobbiamo pero prestare attenzione ai segnali interiori.
È vero il nostro prossimo e come uno specchio e vengono avanti le persone con le quali abbiamo esigenza di scambiare esperienze.

Cara Rosayoga,  hai fatto benissimo a proprio toccare il punto del "Dobbiamo (però) prestare attenzione ai segnali interiori" !   Infatti, anche in questo senso, quando capita di muoversi sull'onda dell'ansia, della preoccupazione e quindi in un tentativo di anticipazione o prefigurazione in linea con queste emozioni, neppure sarà tanto facile fare scelte e prendere decisioni azzeccate... Sia questo per modo, momento e "luogo" (zona, casa ecc.).  Certo, saranno accertate in relazione a quel proprio stato d'animo e modo di procedere... Ovvero dando di nuovo lo spunto per riorientarsi... E dunque, possibilmente, su altre basi e che proprio si fondano su quello che hai detto tu!  In fondo, in questo senso, è quello che succede persino restando "a casa propria"; sempre e di nuovo, è come se ci pensasse la vita con i suoi segnali, a indurci al riorientamento...   Si tratta quindi pure di avere (ossia di attivare e nutrire) la pazienza e la perseveranza di recepire, ascoltarsi e, cosi, favorire gli elementi della sincronicità....    Grazie!

Ho letto la tua lunga risposta con immenso piacere, purtroppo la ho visualizzata ore 3,20 di notte ( sono del genere nottambula) e mi riservo dì risponderti in maniera più ampia e argomentata appena ne avrò il tempo. Comunque è vero che di fondo vivo una sorta di " disagio psicologico " e che sto ancora cercando " casa" , diversi anni fa sono stata in psicoanalisi junghiana per 5 anni, ti dico questo perché ciò che mi hai risposto si concilia ad un argomento che ho già approfondito nel corso della mia vita. Per quanto il discorso del Portogallo e...in particolare di Lisbona sento un " bisogno ancestrale di tornare" .sara che comunque che sono stata educata da una madre fieramente portoghese che venne in Italia quasi " in esilio" in quanto mio padre portoghese ma di origine italiana lavorava come funzionario dell'Ambasciata Italia- Portogallo e per fare ciò dovette rinunciare alla cittadinanza portoghese pur vivendo la' ( erano ancora i tempi della dittatura di Salazar e non era prevista la doppia- cittadinanza), quando lui mori' aveva solo 39 anni e mia madre dovette per forza trasferirsi in Italia in quanto diventata moglie di un italiano. E' una storia un po' lunga e spesso mi sento un apolide. Concordo con quanto tu mi hai consigliato di essere sempre me stessa ovunque vado e ciò non mi ha mai precluso  amicizie che sono durate nel tempo quando sono stata in altri paesi stranieri: 2 esempi: Austria e Canada paesi che ho frequentato senza avere connazionali con me che parlassero italiano....forse mi sto preoccupando eccessivamente perché ho in realtà " aspettative diverse" . A presto e grazie ancora 😉😴

a isaura...
avevo capito che si trattava di "aspettative diverse", ossia particolari, visto il retroscena dei genitori cui avevi accennato e quella frase e chiusura-tabù sull'argomento (per come hai scritto) ...  Per te non è un paese come un altro... Non è insomma una questione neutra e per cui, interiormente ti senti quindi praticamente in modo inevitabile condizionata da tanti elementi ed energie che, per quanto impalpabili, influiscono proprio per questo.  È un po' come se tu cercassi più o meno consapevolmente di riuscire a identificare e poter "mettere sopra un nome" alle situazioni e alle persone.   Tutto ciò che viene taciuto in familia si ripercuote su chi viene dopo, e andrebbe già per questo affrontato e risolto.... a favore di un senso di liberazione.  Questi aspetti e realtà li tratta la psicogenealogia (il primo a praticare e diffondere é stato un certo Dr. Bert Hellinger).  Vedi magari di interessartene, se ti pare opportuno e ti interessa.
OK, non era proprio in argomento o stretto collegamento con il tipo di cose che si trattano qui "in aperto", ma visto che siamo tutti umani e ognuno con la sua storia, ho pensato che potrebbe eventualmente persino risultare utile anche ad altre persone, considerare questo aspetto.
(Ora mi vado a coricare, almeno per stanotte sono stata più nottambula di te: 5.20 !...)   :sleep

Grazie di cuore per avermi fatto conoscere una branca della psicoanalisi a me sconosciuta e intendo approfondire. Capoisco che , non volendo, siamo uscite fuori tema rispetto agli obiettivi di tale piattaforma. Mi piacerebbe rimanere in contatto con te e magari incontrarci prima o poi. Domani parto per una settimana di vacanza di relax in agriturismo ( Campania) , dopo tornerò a Roma per sbrigare alcune cose rimaste in sospeso.....quindi è mia intenzione partire per Lisbona con il mio compagno nella prima settimana di giugno: i primi giorni saranno pieni d' impegni perché intendiamo prendere inizialmente subito una casa in affitto ( che non sarà quella definitiva) e sbrigare le pratiche burocratiche per la cittadinanza ( ho la fortuna di poter avere la doppia cittadinanza in quanto figlia di portoghesi) e vedere come traferire ' importo finanziario mensile derivante dalla pensione. Mi ero dimenticata di dirti che sono una neo- pensionata  e ho lavorato sempre come Infermiera Professionale a Roma. Magari , de starai a Lisbona ti chiederò qualche consiglio riguardo agli affitti rispetto ai vari quartieri della città che devo conoscere meglio ( conosco il centro e il quartiere della moureria dove viveva mia nonna materna) ma al centro ho letto che sono molto alti. Comunque ....avrei piacere  che rimanessimo in contatto. Un Caro saluto. Paola 😉😘😴

Ciao Paola / isaura...
volentieri possiamo sí restare in contatto.  Penso che la cosa migliore per noi, adesso, è scriverci su MP (messaggi privati),  intanto, ti dico di come si fa:  quando vuoi entrare in contatto con qualcuno, clicchi sul "rotondino" -come in questo caso quello rosa nostro con la figurina-. Lí ti si apre la pagina della persona in questione e hai modo di scriverle direttamente.   Poi, quando si riceve una risposta, si clicca sull'icono in alto a destra della pagina; quello della piccola busta a sinistra della campanellina. E lì si è su MP.
Adesso quindi ti rispondo entrando sulla tua pagina... Ciao  :top:

Mario, da quello che ho capito hai scelto Porto. Potresti parlarmi di questa città? Io verrei da Roma e onestamente non cerco spiagge e natura, ma luoghi vivi, vivaci, vitali, stimolanti. Grazie.

Rosayoga buonasera. Sto cominciando a muovere i primi passi, ma a parte tutti i passaggi burocratici e la decisione definitiva di trasferimento che deve ancora avvenire, il mio cuore è diviso tra Lisbona e Porto. A te (posso usare il tu?) chiedo: mi racconti Lisbona? Perché l'hai scelta, cosa ti dà, cosa non ti piace, dove hai trovato casa e come? Grazie :-)

Nuova discussione