Close

LEGGERE CON ATTENZIONE RESIDENTI NON ABITUALI

Come residente abituale, ho l’obbligo di permanere in Portogallo almeno 6 mesi ed un giorno. Nel caso di residente non abituale...?! C’e Un limite massimo?!  Da ex INPDAP, come residente abituale, dovrei pagare le tasse due volte... quindi non mi rimane che la seconda soluzione. Se mi sbaglio, mi corregga. Sto cercando informazioni per scappare al più presto dal bel paese...

Mas Dog :

Come residente abituale, ho l’obbligo di permanere in Portogallo almeno 6 mesi ed un giorno. Nel caso di residente non abituale...?! C’e Un limite massimo?!  Da ex INPDAP, come residente abituale, dovrei pagare le tasse due volte... quindi non mi rimane che la seconda soluzione. Se mi sbaglio, mi corregga. Sto cercando informazioni per scappare al più presto dal bel paese...

Come residente non abituale hai l' obbligo di permanere almeno 6 mesi e 1 giorno. :)
Che poi non ci siano, dicono, molti controlli è altra cosa

per MAS DOG

Se vogliamo essere precisi dopo 90 gg (turismo) dovresti comunque chiedere un permesso di soggiorno temporaneo,  ma credo che non lo faccia nessuno.

Dopo 183 gg  (anche non consecutivi)  sarai considerato  RESIDENTE FISCALE nel Paese
Ne consegue che per NON ESSERLO dovrai   rimanerci meno di tale data.

Ovvio che qualsiasi contratto d'affitto superiore ai 6 mesi costituisca PROVA dell'intenzione di risiedere.

Ci sono obblighi stingenti sui veicoli per chi
1 - chiede la residenza (primo passo)
2 - per poi chiedere l'esenzione RNH (secondo passo), 

i quali OBBLIGATORIAMENTE se circolanti su suolo Portoghese dopo 183gg DOVRANNO  essere immatricolati, vedere le discussioni apposite con il box  ricerca nel forum (ci sono tempi  e possesso precedente da dimostrare).

In pratica si deve soggiornare MENO di 6 mesi.

Per quanto riguarda i veicoli  non è uno scherzo ... ci sono tasse d'importazione
elevatissime e multe salata se  non si rientra negli stretti parametri imposti.

I controlli non sono a pioggia ma  vi invio questo link per fare capire che anche casualmente si possono avere grosse grane semplicemente per aver ignorato le disposizioni, è interessante ..... MOLTO !!

Maioria dos residentes no estrangeiro desconhece a lei e tem problemas alfandegários com as suas viaturas
mundoportugues.org/article/view/64411

Un saluto

per mariella15

Come residente non abituale hai l' obbligo di permanere almeno 6 mesi e 1 giorno. :)
Che poi non ci siano, dicono, molti controlli è altra cosa


ciao,
NON E' ESATTO

LATO PT  -  devi dimostrare di avere la possibilità di soggiornare in modo continuativo, quindi appartamento in affitto contratto annuale (forse anche 7 mesi ho sentito che qualcuno lo fa)  oppure casa di proprietà (non poi affittata a terzi), oppure usufrutto su casa (non poi affittata a terzi)

LATO ITALIA - non devi contravvenire all'obbligo di assenza per 182gg minimi annui.
Per l'Italia quindi  potresti essere anche alle Galapagos per 6 mesi  e non in PT.

Ovvio che in PT i controlli potrebbero esserci per cui .... è solo un esempio citando la normativa.

Mas Dog :

Come residente abituale, ho l’obbligo di permanere in Portogallo almeno 6 mesi ed un giorno. Nel caso di residente non abituale...?! C’e Un limite massimo?!  Da ex INPDAP, come residente abituale, dovrei pagare le tasse due volte... quindi non mi rimane che la seconda soluzione. Se mi sbaglio, mi corregga. Sto cercando informazioni per scappare al più presto dal bel paese...

come ex Inpdap non puoi ottenere la detassazione in Portogallo, ma se prendi la RNH cioè la residenza non abituale Portoghese non paghi le tasse sulla pensione per 10 anni, quindi NON paghi le tasse due volte, continuerai a pagarle in Italia ...

se invece vai in Tunisia, sarai detassato dall'Italia ed in Tunisia paghi circa il 15% sul 20% della pensione, l'80 % sarà esente da tasse (diventa circa il 3% sull'intera pensione annua)

Ovvio che qualsiasi contratto d'affitto superiore ai 6 mesi costituisca PROVA dell'intenzione di risiedere.

Alternativa è cointestare un contratto d affitto al fine di dividere le spese.
Ho già scritto che sono disponibile a contestare il mio contratto già in essere

Saluti

Immaginavo di non poter rimanere più di un tot... per la cointestazione... se ne può parlare... Grazie!

per Mk1957

Ovvio che qualsiasi contratto d'affitto superiore ai 6 mesi costituisca PROVA dell'intenzione di risiedere.

L'ho indicato perchè lui voleva rimanere il massimo possibile SENZA prendere la residenza.

Il contratto ha un prezzo 2 contraenti ed una durata.

Quindi il contratto  non lo  dovete  COINTESTARE se il tuo è annuo,  se  fosse possibile
lo dovete SCINDERE (fare 2 contratti)  7 mesi TU e 5 lui, ma sicuramente non cointestare, avrebbe/avreste   un contratto ANNUO  di metà dell'appartamento ma non  la metà di 12 mesi !

O meglio gli subaffitti in nero così può rimanere più tempo senza  traccia (almeno quella sull'appartamento)-

In Tunisia, per avere l'esonero sull'80% e tributando solo sul 20% , la premessa e' che l'intera pensione arrivi sul proprio conto della banca tunisina.  Per il calcolo di quanto si debba al fisco, l'applicazione del tasso impositivo, come altrove, avviene in modo scaglionato. Per cui, essendo 5000 dinari per loro molti (e i primi 5000 tdn sono esentasse), a tranches, il tasso percentuale in crescendo arriva anche fino al 35%.
Lo dico perché avendo qualcuno una pensione di una certa entità, possa farsi un'idea più precisa, per il confronto con altri paesi, incluso il Portogallo.  Da sapere, e' che non viene concesso il permesso di soggiorno a qualcuno la di cui pensione non arrivi almeno a 900 euro.
Consigliabile, in Tunisia, avere buone conoscenze della lingua francese. E procurando di avere somma attenzione, prima di affidarsi agli aiuti di connazionali vostri. Ma questo già lo sapete.  Personalmente, in Tunisia mi trovo bene perché bene inserita in quanto il paese mi è famigliare sin dalla gioventù. E ho avuto la grande fortuna di poter godere di una presenza sommamente amica.  Invece in Portogallo posso stare a periodi, in casa di proprietà (ed essendo fuori luogo fare traslochi in Tunisia. Cosa invece fattibilissima per il Marocco) ma essendo vissuta per oltre due decenni in Spagna, qui mi sento estranea o, detto in altro modo, mi è estraneo tutto. Si potrebbe arguire che sono paesi simili, ma no. Per niente, o...allora troppo simili in un certo senso. Mi spiego:  Credo che facendo un salto di vita all'estero, ossia emigrando (brutta parola forse, ma meglio affrontare, a parer mio, tutti gli aspetti della questione), sia addirittura più facile farlo in direzione di un paese davvero molto diverso dal proprio. Per cui, probabilmente, il Portogallo per un italiano può già esserlo (ognuno veda da sé, le sensazioni essendo personalissime), fatto sta che in un paese molto diverso, il fatto della sana e salutare curiosità verso altri modi, lingua e paesaggi, accaparrano l'attenzione e stimolano. E questo può aiutare a non avere nostalgie o simili, in quanto presi, occupati, assorbiti dal tutto "nuovo e da scoprire".  Invece, in qualcosa di apparentemente simile e che però non lo è affatto, trovo sia più arduo a livello emozionale e psicologico.
Beh, sono pensieri, esperienze e sentimenti miei che ho stavolta pensato di esprimere in quanto proprio sul posto (Portogallo) e forse potendo tornare utili alle persone che ancora si chiedono quale possa essere la via da imboccare per loro.
Aggiungo che,  personalmente, diffido ormai grandemente dell'Europa...per come stanno attualmente le cose e...nei tempi prossimi.  Almeno in Africa ci sono un po' meno intrusioni da fuori...(diciamo... Bruxelles &Co.)  Fatto sta che dopo tanti approfondimenti riguardo alle leggi e modalità di vari paesi, così ho deciso.
Beh, scusate per essere uscita dai binari, avendo sviluppato ben oltre il tema dell'argomento...  :unsure  ;)
Buona scelta a tutti !

Per Sbertan,
hai ragione, sono stata un po' troppo sintetica, mi sono limitata a dire che devi risiedere almeno 183 giorni, tralasciando tutto il resto!
Mi  :dumbom: da sola
mariella

Buongiorno Sbertan non capisco perche' non si possa dare in affitto una casa di proprieta', in tutto il mondo si fa.
Chiedo a te che sei il piu' informato e preciso nel rispondere.
Grazie.

per NAVIGATRICE

ciao .... grazie ...  ma  cerco solo di stare "in presa" per non perdermi i cambiamenti.

Se ti riferisci al post sopra per Mk1957 è perchè:

- se fai un contratto di affitto per RNH deve essere a te intestato e sopratutto REGISTRATO (da qui l'obbligo di avere un NIF)

questo per tasse ed incrocio dati.

- se sei proprietario per avere RNH  devi dare QUELL'INDIRIZZO va da sè che per gli stessi motivi non puoi spossessarti della casa dandola in affitto REGISTRATO ... in  oscuro   :cool: .... lo puoi fare certamente
Una possibilità sarebbe di co-abitare (anagraficamente)  affittando una parte dei locali, ma non l'intero appartamento.

Non ho informazioni al riguardo sulla tipologia di contratti e soprattutto se sono accettati per chi  come affittuario  voglia poi chiedere residenza e successiva RNH.

- se sei usufruttuario o comodatario IDEM come proprietario

un saluto

Ti rispondo in private.

io credo che su questa storia della residenza ''non abituale'' e dei sei mesi e un giorno si faccia un po' di confusione. In realta' il concetto e' molto semplice: come cittadino europeo ciascuno puo' decidere di vivere in qualunque paese dell'Ue senza chiedere permesso a nessuno, esattamente come un milanese puo' trasferirsi a Napoli. Si tratta solo di registrarsi all'anagrafe e alle tasse locali (se sei all'estero sara' l'Aie e il paese di residenza, se sei in italia sara' l'anagrafe e l'ufficio delle entrate. Ora: tu puoi possedere una seconda casa in Grecia (o a Lipari) e risiederci quanto tempo vuoi, senza prendere necessariamente la residenza (e continui a pagare le tasse e nel tuo comune di origine, dove avrai il medico di famiglia, ecc). Oppure decidi di ''risiedere'' a Lipari (o in Grecia), e allora sei assoggettato a tutti gli effetti alle regole di quel comune o di quel paese. Ma attenzione, se trasferisci la residenza a Lipari, poi devi dimostrare di viverci sul serio ''la maggior parte dell'anno'', cioe' i famosi sei mesi, che comunque nessuno verra' a controllare col cronometro). Se lo fai solo perche ' la tua villetta di Lipari risulti ''prima casa'', il fisco te lo contesta. Esattamente come ti contesta la residenza all'estero se in realta' tu vivi in Italia ''fingendo'' di vivere all'estero. Qualunque estero esso sia (potrebbe essere la Finlandiao la Svezia, dove vai per ragioni tue accetando di pagare  il triplo di tasse).. Stabilito questo,  se poi il fisco locale ti offre condizioni piu' vantaggiose, e' una questione che riguarda te e il paese che ti ospita. (cosi come avviene tra te e il comune di Lipari se risiedi ''veramente'' a Lipari). In effetti questa cosa del RNH e' una definizione un po' bislacca, che non vuol dire gran che. Tu prendi la residenza in portogallo, dimostri di farne la sede principale dei tuoi interessi e delle tue attivita', e da quel momento sei soggetto alle tasse portoghesi, sei iscritto alla sanita' locale e cosi via). Se poi presenti una serie di condizioni particolari, il fisco portoghese ti consente dei vantaggi (esenzione della pensione o altro), che configurano lo status di RNH. Ma niente ti impedisce di risiedere in portogallo, anche senza quei requisiti (pagando le tasse),  o di possedere una casa in portogallo e starci tutto il tempo che vuoi senza nessun obbligo di residenza o di permessi (siamo in UE) mantenedo la residenza in Italia (cosi come nessuno ti impedisce di passare tutto il tuo tempo nella villetta di Lipari conservando la residenza a Milano).  Un'ultima osservazione: tutti i 'paletti'' imposti da lportogallo, hanno soprattutto la funzione di non presentarsi come un ''paradiso fiscale'' (cosa di cui gia' viene ampiamente accusato). Ma non e' del Portogallo che bisogna aver paura: loro non verranno certo' a controllare quanto tempo passi qui, e' piuttosto il fisco italiano che controllera' se tu sei veramente partito:o hai conservato la tua casa al paesello, se ci passi la maggior parte del tempo, se accompagni i nipotini a scuola ogni giorno ecc. Perche' e' all'Italia che tu sottrai le tasse, e dunque e' l'Italia che ti chiede i conti. al di la' dei trucchetti dell'appartamento affittato e subaffittato, in due, in tre ecceterra. Il fisco portoghese puo' anche ''non vedere'', quello italiano vede, stanne sicuro.

per Giovanni33

tutto giustissimo lo  stiamo ripetendo  a più voci  lo stesso concetto.

E'  vero che siamo in UE e che posso muovermi  IN TEORIA come voglio ma prego di leggere quanto segue.

Sarà anche un caso limite ma  è bene esserne informati.

è interessante ..... MOLTO !!

Maioria dos residentes no estrangeiro desconhece a lei e tem problemas alfandegários com as suas viaturas
mundoportugues.org/article/view/64411

Un saluto
                           Stefano

Decisamente interessante, anche il giornale digitale :top:

Insomma, come dire che il diavolo fa la pentola ma non il coperchio. E' cioè sempre qualche dettaglio a poter costituire l'inghippo.  E ricordando pure che se qualcuno compera casa in Portogallo MA non con l'intenzione di prendervi la residenza, sul rogito deve figurare che si tratta di domicilio SECONDARIO.
Seppoi uno dopo  "X" tempo/anni decide di risiedervi, questo è  ovviamente possibile, MA se non avesse fatto attenzione alla suddeta menzione, addio alla possibilità di chiedere la RNH .  Si, certo, potrebbe sempre ancora dimostrare di avere pagato le tasse al suo Paese durante i 5 anni precedenti questa richiesta, ma .,. e se gli anni fossero soltanto 3 o 4 ?  Ci sono già stati contenziosi di questo tipo. Senza quella menzione specifica, possono decidere che si fosse quindi già  residenti ... Quindi sin dall'inizio và posta attenzione al dettaglio.

nel computo dei 183 gg. di permanenza di AIRE in Portogallo sono anche compresi eventuali giorni per viaggi in altri paesi europei ed anche extra europei?

Salve,

per essere in regola con AIRE si deve essere  NON PRESENTI in Italia per 183gg o  più  ANCHE NON CONTINUATIVI

Poi bisogna rispettare le leggi del paese nel quale si ottiene la residenza,  cioè rimanerVi per più di 183gg ANCHE NON CONTINUATIVI.

Per quanto ovvio l'assenza DOCUMENTATA  non può essere compresa nel computo.

Cordialmente

Grazie

non devi stare più' di 6 mesi ed 1 giorno in Italia per evitare problemi col fisco Italiano
per il momento il Portogallo se ne frega, non fa controlli
qui lo dico e qui lo nego  ;)
Dario

Questo potrebbe essere di un qualche interesse....
ecnews.it/soggetto-aire-notifica-degli-atti-presso-lultimo-domicilio-fiscale/?utm_source=20171109&utm_medium=email&utm_campaign=NLEcNews
Qualche commento ?
Un saluto a tutti gli amici del forum  :)

Grazie, molto utile. Un saluto Antonio

BUONGIORNO
LA RINGRAZIAMO PER LA VOSTRA RISPOSTA
CORDIALITA'
ARMANDO E FERRUCCIO MARCO CANAVESES -PT- :)

Leggo che la richiesta di iscrizione RNH dovrà essere effettuata entro il 31 Marzo dell'anno successivo a quello in cui si è ottenuta la residenza in territorio Portoghese . Qual'è il periodo migliore per trasferire la residenza fisica/fiscale in Portogallo ? Se richiedo la residenza ad Ottobre/Novembre non perdo i benefici fiscali dell'anno corrente ?  Non ho ben chiare tutte queste dinamiche .  Se qualcuno di Voi meglio informati ha voglia di elencarle sono certo che farà cosa gradita a molti . Grazie saluti .-

Glent :

Leggo ...................Qual'è il periodo migliore per trasferire la residenza fisica/fiscale .......-

Le discussioni in materia sono tante e "sparpagliate"   prova  a  leggere questa .....

Sono state già graditamente esposte più e più volte,
se non hai voglia  di  cercarle  con  la "lente"  (in alto a DX)
puoi limitarti a questa OTTIMA  guida   anzi     "diario di bordo "   di LUITED  al secolo Luigi  . 

http://www.expat.com/forum/viewtopic.php?id=649400

Grazie SBERTAN sei sempre prezioso . Un caro saluto .

Nuova discussione

Traslocare in Portogallo

Consigli per preparare un trasloco in Portogallo