la pensione deve essere accreditata su una banca portoghese?

gran confusione sulla canalizzazione della pensione. è possibile canalizzarla in una banca italiana e vivere in portogallo?

Buongiorno.
Il conto in Portogallo, oltre a quello italiano. È indispensabile anche per dimostrare che risiedi e per inoltrare la pratica di residente non abituale e usufruire di tutti i benefici fiscali.
Sono a disposizione per qualsiasi chiarimento o aiuto potesse necessitare.
A disposizione
Saluti
Potete contattarmi:

Moderato da Francesca 2 anni fa
Motivo : Per la privacy comunica contatto email tramite un messaggio privato

Valerioserra, come ha scritto giustamente Esteto, per ottenere i benefici del Residente Non Abituale, l'INPS dovrà necessariamente modificare i dati relativi all'ufficio pagatore, inoltrando la pensione sul conto corrente portoghese.
Però dal tuo post non si capisce se sei un pensionato ( pubblico, privato che non voglia la residenza), o un pensionato che aspira alla residenza non abituale ( quindi alla detassazione per 10 anni in territorio portoghese e italiano). Nel primo caso puoi tranquillamente canalizzare la pensione dove vuoi, all'interno dei confini italiani.
Cordiali saluti
Maurizio

Certo che no, nn è un controsenso????

sono un pensionato privato . l'INPS mi ha risposto che puo canalizzare la mia pensione sulla attuale banca. alcuni dicono che non è possibile. insomma non riesco a capire come funziona. io per motivi personali non posso lasciare la mia banca in italia. quindi è possibile aprendo un conto extra in Portogallo riuscire a trasferirmi? grazie buona serata

ho seri dubbi che si possa canalizzare la pensione su banca italiana senza che le autorita' fiscali portoghesi non abbiano nulla da eccepire. io faccio accreditare la pensione su conto portoghese e poi faccio trasferimento sul conto italiano. questa dovrebbe essere la procedura corretta. poi ognuno si prende le responsabilita' delle proprie decisioni.

Come dice Beppe, è obbligatorio aprire un conto in una banca portoghese su cui far arrivare la pensione. Altrimenti niente residenza non abituale.
Poi può chiedere alla banca portoghese di girare completamente o parzialmente la sua pensione sul conto corrente italiano, tramite rid se vuole, così parte in automatico.

ciao Maurizioguiku ho una banca online,non esistono sportelli,si fa tutto soltanto con il bancomat ed avendo due pensioni da due enti diversi,inps ed enpam,posso spostarne solo una?la banca online la tratti da qualsiasi parte del mondo.grazie

Nadia, per la RNH deve aprire un conto in Portogallo. Ma lei me lo sta chiedendo o dicendo?
Scusi, non ho ben capito se è una domanda o una spiegazione.
Grazie

Il consiglio che do sempre a chi riceve più di una pensione è il seguente:
chiedere cambio ufficio pagatore per entrambe, quindi farsele mandare in Portogallo, senza chiudere il o i conti correnti in Italia.
Successivamente, se ha bisogno per motivi personali di ricevere ogni mese un accredito sul conto italiano, può scegliere 2 metodologie, la prima è di bonificare manualmente online ogni mese, la somma desiderata sul conto in Italia. La seconda, più comoda, è di richiedere un pagamento automatico alla nuova banca portoghese, in un giorno predefinito, con un importo predefinito, che può corrispondere all'intero importo della pensione, sempre da bonificare sul conto italiano. Le chiederanno l'IBAN, il BIC e lo SWIFT, tutti dati che avrà a disposizione una volta aperto il conto.
Sembra complicato ma una volta agganciato il RID non deve più preoccuparsi di nulla, perché sarebbe come ricevere la pensione in Italia.

P.s.: non venisse in mente a nessuno di aprire un conto online portoghese. A fronte di un qualsiasi problema bisognerebbe parlare nella lingua lusitana, mentre allo sportello di una banca fisica, in qualche modo anche il meno propenso alle lingue, può cavarsela egregiamente. Forse.

Maurizio

La mia era una domanda,non sapevo come inserirmi.
grazie,sei stato molto gentile ma soprattutto chiaro.

Qualcuno mi può consigliare una banca particolarmente valida per un pensionato RNH IN PORTOGALLO? Grazie e saluti a tutti!!

Ciao .... si c e chi lo fa ... in questo caso  non c'è. Neanche la richiesta di prova in vita annuale inviata.  da citibank. però. .. poi valgono tutte le accortezze già. dette ...

:) tenere conto delle diverse spese bancarie

Sicuramente si citybank inviera ogni anno la richiesta di essere in vita ma é una pura formalita

giademaria :

Sicuramente si citybank inviera ogni anno la richiesta di essere in vita ma é una pura formalita

NO, se accrediti la pensione in Italia  no,  CITY  non  interviene.

Buongiorno a Tutti e a SBertan,
Affermativo, se l'accredito é su c/c in italia CityBank non interviene ma ugualmente, di propria iniziativa, é  da inviare all'INPS il certificato di esistenza in vita rilasciato dalla Freguesia (trattasi dell'ufficio comunale di zona).
Va bene anche in lingua portoghese, é un documento riconosciuto dall'INPS.
Questa é la procedura che mi ha indicato l'INPS e che  ho dovuto seguire per il periodo gennaio/ottobre 2017 che l'INPS mi ha accreditato la pensione sul c/c in italia.
Molto cordialmente,
alfredo luigi caruso

questa é una domanda che dovrebbe essere rivolta all'INPS
ma:
l'INPS fa gestire tutte le pensioni per i residenti all'estero da un istituto estero, a Londra
secondo:
mi sembrerebbe un evidente indizio da fornire all'agenzia delle entrate il sospetto di un probabile centro degli interessi in Italia, prova quindi di residenza estera fittizia

Ciao Dario,
I versamenti che ha effettuato L'INPS da gennaio ad ottobre 2017 su c/c italiano era do vuto  al fatto che non tenevano in considerazione la richiesta, sopportata dalla dovuta documentazione, al trasferimento in Portogalli, della pensione.
Finalmente da novembre 2017 la pensione, tramite CityBank, é accreditata in PT.
In caso di responsabilità (??) L'agenzia delle Entrate, chiedesse informazioni all'Inps e non al sottoscritto.
In caso che la richiesta fosse rivolta al sottoscritto, ho tutta l'approppriata prova/documentazione che non si tratta di illecito da parte mia ma di ritardi burocratici non  a me addebitabile.
Un caro saluto,
alfredo luigi caruso

I dipendenti exBankit accreditano   sul  loro conto in Italia senza problemi ... mi si dice.

Si sarà Citibank ad accreditarsi per conto dell"inps

perfetto Alfredo,
non hai nulla da temere
ciao
Dario

Scusate se mi inserisco in questa discussione con qualche mese di ritardo, ma sul sito INPS, appare chiaramente il metodo di riscossione della pensione per i residenti all'estero:
Pagamento della pensione++
Il pensionato residente all'estero può chiedere il pagamento:

nel Paese estero di residenza, con accredito su conto corrente o allo sportello;
in un Paese estero diverso da quello di residenza, tramite accredito sul conto corrente;
in Italia, con accredito su conto corrente (questo è il punto poco chiaro nella discussione)  o allo sportello tramite delegato.

Salvo diverse disposizioni politico-valutarie del Paese estero interessato, Citibank esegue i pagamenti in euro o in divisa locale senza spese per il beneficiario.
Quindi parrebbe che si possa far accreditare la pensione sul conto italiano.
Siete d'accordo?

Direi di sì. Se il testo INPS riportato è letterale, rappresenta la sola situazione di un pensionato che non può operare di persona e lo fa tramite delega ad altro.
Guido

fabio1399 :

Salvo diverse disposizioni politico-valutarie del Paese estero interessato, Citibank esegue i pagamenti in euro o in divisa locale senza spese per il beneficiario.
Quindi parrebbe che si possa far accreditare la pensione sul conto italiano.
Siete d'accordo?

Ciao, sì puoi accreditare  su conto  in Italia e  non  sarà CitiBank  a  gestire ma INPS con le consuete modalità.
Idem per la prova di esistenza in vita,  non sarà gestita dalla consociata di CitiBank.

Ad esempio i dipendenti Bankitalia in pensione ed  expatriati  usano questa modalità... non ultimo un amico già in PT.

Un saluto

PS
il mio pensiero .... è  che sia MEGLIO accreditare su conto Portoghese ... capisciammè ...
ma  io sono prossimo alla paranoia.

Ri-Saluto

Mi inserisco sull'oggetto Citibank.
Oggi L'inps ha accettato, dopo molte resistenze , di accreditarmi il lordo della pensione in una bamca portoghese ,dopo 6 mesi dall'inizio residenza e non dalla comunicazione dell'iscrizione all'Aire, avvenuta ad Agosto 2018.
La responsabile mi ha detto che devo produrre per Citibank ogni anno, un modulo che attesti la mia esistenza in vita.
Mi chiedo se devo aspettarmi un modulo dalla banca  oppure basta farlo  di propria iniziativa alla Freguesa?.
Grazie per le info che vogliate darmi

Buongiorno a Tutti e a Carloplan,
dovrebbe essere la Citybank ad inviare la documentazione necessaria e che richiederà comunque l'intervento della Freghesia per firma e timbro.
Suggerisco comunque contattare la Citybank, prendendo l'iniziativa,  e farsi mandare via email la documentazione..
Sarà comunque la Citybank a confermare o meno se l'espatriato  é  nell'elenco  di coloro che devono inviare o meno "l'attestato di sussistenza in vita" per questo o quell'altro anno.
Non ho sottomano il numero telefonico approppriato della Citybank, qualora necessitasse basta farmelo sapere.
Molto cordialmente,
alfredo luigi caruso

il modulo di esistenza in vita viene inviato al pensionato dall'ente che eroga la pensione e si puo' far validare dal consolato

Buongiorno a Tutti e a Dario,
mi risulta anche dalla Freghesia,
Molto cordialmente,
alfredo luigi caruso

Nuova discussione