Close

Come fare nuove amicizie in Ecuador

Buongiorno a tutti,

Farsi delle amicizie e socializzare dopo il trasferimento Ŕ importante!

╚ stato facile instaurare nuove conoscenze e stringere legami in Ecuador?

Da chi Ŕ composta la vostra cerchia di amici in Ecuador: si tratta di altri espatriati o anche persone del luogo?

Dove ed in che modo vi siete incontrati?

Grazie in anticipo per parlarci della vostra esperienza,

Francesca

Vivo in Ecuador  complessivamente da 12 anni e sono una persona che ha molti amici in tutto il mondo,  alcuni dei quali sono amici dall' adolescenza.   Pero' devo ammettere che in Ecuador non ho quasi amici con cui  parlare delle cose che realmente mi interessano.   Forse è questo il mio reale problema....
Gli ecuatoriani sono molto legati alla famiglia e scelgono le loro amicizie prevalentemente in quell'ambito.  Le persone di altri  paesi sono invece piu' "aperte" nelle loro scelte.
Inoltre (ammontonando qui tutti gli aspetti negativi, purtroppo !) gli ecuatoriani difficilmente viaggiano...Leggono poco....Non molti sanno apprezzare la musica che potremmo chiamare "di qualita' " (da Shakira a Beethoven...) . Non hanno quindi molto da dirsi fra "gli amici", a meno di parlare di quelle che io chiamo "le solite cose" ....Ma  è forse solo  colpa loro ?
1) Viaggiare implica in America Latina spendere moltissimi soldi (soprattutto se si prende l'aereo) , perchè non c'è competizione fra le linee aeree e non esistono -come in Europa- i voli "low cost"..Inoltre  le distanze  tra i vari paesi sono notevoli :  visitare l'Argentina partendo dall'Ecuador non è come andare in Svizzera partendo dalla Francia  ...!!!
Qui  non c'è proprio l'abitudine di prendere il sacco a pelo e....andare !   Per quanto riguarda le ragazze poi , vi imaginate una studentessa universitaria che va con la "mochila" in spalla fino in Chile?   Un sogno (per ora !) impossibile.   
Senza parlare del fatto che non esiste qui la rete degli ostelli della gioventu' che permettono in altri paesi ai giovani  di viaggiare senza spendere molto.
2)  Inoltre di quali libri parlare, che argomenti dibattere se nella maggior parte delle citta' dell'Ecuador NON esistono librerie ?   Questo non vale per le grandi metropoli come Quito e Guayaquil, dove non è difficile incontrare librerie.   Ma chi ha tanti soldi per tenersi aggiornato, comprando libri per lo piu' cari?   
Se poi si va nelle bibioteche pubbliche, se ben ricordo puoi prendere in prestito un libro, ma occorre restituirlo in una settimana......  Ahimè!
3) Se poi parliamo di musica, come fare ad ascoltare musica in citta' dove le orchestre "buone" si esibiscono raramente...I cantanti "di qualita' " non vengono quasi mai....
Ci sono pero' i karaoke, ma anche questi in numero ridotto. 
4) Non parliamo poi di andare a vedere un film (per commentarlo poi con gli amici...)  .   In questi 12 anni e passa ho visto solo film di orrore, di Kung Fu, e cartoni animati...  Forse la situazione sara' differente a Quito o a Guayaquil (dove non abito),   
Quindi di che discutere con gli amici ecuatoriani ?
Di politica : NO.  Di musica : NO.  Di libri : NO.  Di viaggi : NO.   A meno di essere una persona presuntuosa che vuol comunicare le proprie esperienze, mentre gli altri ascoltano senza apportare il loro contributo perchè "non sanno di che parlare":.  E questo proprio non mi piace
Ovviamente cio' non vale per varie persone in Ecuador, che è un piacere ascoltare con rispetto.  .
Ma ho notato che mentre nel mio paese io non sono che una delle tante, qui vengo considerata una persona "speciale" : cosa assolutamente non vera ! 
E' stato difficile (ed è tutt'ora difficile) per me stabilire relazioni di vera  amicizia, nel senso di amicizia PARITARIA, in Ecuador.    Ci sono riuscita, ma con poche persone, Sono in genere persone che hanno fatto un percorso di vita abbastanza simile al mio.   Persone che si interessano di molte e diverse cose, Persone senza nessun complesso (e meno ancora sentimenti d'inferiorita') verso di me in quanto straniera.
In compenso posso dire che in tutti questi anni ho imparato ad apprezzare il popolo ecuatoriano nel suo complesso,  come composto da persone forse non colte , ma profondamente buone.   Non si tratta forse di amicizia, una relazione che implica un coinvolgimento  superiore, ma di simpatia reciproca.  Questa . sì, l'ho incontrata e senza difficolta'.

.

Ciao mi chiamo Gennaro e vivo a Milano ..sono stato spesso in Ecuador a portoviejo e Manta dove ho degli amici...ma dimmi tu cosa ci fai in Ecuador e quale è stato il tuo percorso di vita che ti ha portato a vivere li? se mi puoi rispondere grazie e a presto

Caro Gennaro, 
mio padre , figlio di emigranti e costretto per il suo lavoro a vivere all'estero, trasferi' a noi  figli l'amore per i viaggi.  Da piccola ho vissuto con la mia famiglia a Londra e Parigi.  Poi ci siamo stabiliti a Torino, dove il babbo lavorava.   Io ho studiato in questa bella citta', dove ho lavorato  e mi sono sposata.  Purtroppo mio marito e' morto' piuttosto giovane,, lasciandomi sola e con una bimba da crescere.  Decisi di cambiare panorama , perche'....l'Italia mi andava stretta ! Cosi' mi sono dapprima trasferita in Costarica, dove vivevano dei familiari miei e dove ho vissuto per 10 anni.  Poi in Ecuador . 
Mi chiedi qual'e' stato il mio percorso di vita....Beh, quello di una persona qualsiasi, che non rifugge pero' l'avventura, anzi la trova stimolante.  A parte vari paesi d'Europa, conosco Messico, Corea, Guatemala, Costarica, Panama' e in America del Sud, Colombia ed Ecuador.
Uno dei miei motivi di vita e' stata mia figlia, che ho abituato a vivere...un po' di qui e un po' di la'.  Pero' questo ci ha  abituate ad ampliare la nostra mente,  ad apprezzare culture diverse, (per esempio differenti tipi di gastronomia).   Ed abbiamo amici cari in vari paesi,
Ho dovuto anche "fare i conti" con una pensione non certo simile alle pensioni d'oro che "alcuni" ricevono in Italia.  Qui si puo' vivere piu' che decentemente anche con una pensione come la mia, che non e' nemmeno....d'argento !  E vivere discretamente.  Mia figlia ha studiato in Ecuador ed ora lavora in questo paese, dove la presenza degli italiani non e' indifferente : siamo 16.000 connazionali, fra pensionati e non.  Personalmente non ho "fatto comunella" solo con gli italiani, anzi.  Non e' nella mia mentalita' questo unirsi per sospirare sull'italica pizza !
Mi chiedi come sono finita qui...Vorrei sapere meglio cosa intendi per"percorso di vita" e qual'e' la tua eta' ed i tuoi interessi, per poterti rispondere  appropriatamente.  Io seguo sempre la situazione italiana, sia politica che non ,  ma nel nostro bellissimo paese non ritornerei a vivere, perlomeno stabilmente.   Troppi...casini !  Troppo odio  !  Mentre qui ci si accetta con facilita': ci sono varie razze , ma fra di loro si rispettano abbastanza.   E tutti, ma dico tutti,  ammirano gli italiani, considerando il nostro come il paese della BELLEZZA  (mentre noi ....).
Potrei, ripeto, raccontarti ancora molte cose, ma preferisco che tu mi ponga le domande,, a cui mi impegno di rispondere con la massima sincerita'.  Dunque che cosa vuoi sapere di preciso ? 
p.s.  Ti chiami Gennaro come mio nonno, che era napoletano.  Lo sei per caso anche tu ?

Si sono di napoli e precisamente di madonna dell'Arco , ma vivo e lavoro a milano da almeno 15 anni....conosco l'Ecuador perchè ci sono stato diverse volte e penso di trasferirmi,,,,ho delle amicizie a Portoviejo e conosco anche altre città come manta e quito...ecco a Quito ci andrei a vivere....sai dopo anni di milano sarebbe un po diffcile per me non vivere in una grande metropoli e Quito mi piace.
ma una cosa non capisco...tu come hai deciso di trasferirti in Ecuador??? quale la motivazione...eppure hai vissuto da molte parti...io ho 54 anni

Una cosa importante che NON mi hai detto|:  dove preferiresti stabilirti ?  Quito ?  Bella citta', anzi metropoli di quasi 3.800.000 abitanti. Temperatura primaverile tutto l'anno (anche se siamo all'equatore Quito si trova a mt.2800 di altezza).  Ogni tanto c'e' una spruzzata di pioggia notturna, ma poca cosa.  Quito sorge ai piedi dei vulcani Ua Ua Pichincha (bebe' Pichincha in quechua) e Pichincha, attivi, ma tranquilli (il vulcano
Ua Ua Pichincha "sputo'" cenere in quantita' nel 1995.  Da allora piu' nulla.) 
I prezzi sono un po' piu' cari a Quito che in altre citta' dell'Ecuador,  ma non di molto.   
Secondo me l'unico  inconveniente per un lavoratore e' la distanza :  voglio dire che per andare dal barrio (= quartiere) della citta'dove si vive a quello in cui si lavora ci vuole un mucchio di tempo, sia perche' Quito e' grande, sia perche'  sono molte le auto e gli autobus che ingorgano le strade.   Pero' il vantaggio e' che a Quito c'e' di tutto : dai centri commerciali dove trovi quello che vuoi, ai teatri,,,
Guayaquil e' pure una citta' vasta e molto bella (4 milioni di abitanti). ma io ci metterei il naso...con certa prudenza a causa dell' hampa (=malavita). Del resto Guayaquil e' un porto....  Comunque se si ha l'auto o utilizzando il taxi  i rischi sono ridotti veramente al minimo.
Io, come ti ho gia' detto, sono una persona avventurosa.  Non ho molta paura della gente, tutt'altro.  E ho un buon senso dell'umorismo, che spesso mi ha aiutato nella vita. Qui in Ecuador lavoravo in  una minuscola casa editrice .  Poi l'editoriale ha chiuso i battenti e sono rimasta senza lavoro.  Avevo una piccola pensione Inps e mi sono resa conto che potevo vivere con quella.   Ho  insegnato (inglese) in un liceo privato.  Insomma,  in Ecuador c'e' lavoro, spesso pero' non e' ben pagato,  Il salario basico (ossia minimo) e' di $ 380, con cui vive (maluccio) una persona, e in alcuni casi addirittura una famiglia ! Un medico che lavora in un ospedale pubblico guadagna (all'inizio della carriera) $ 1000 mensili.  Una cameriera puo' essere pagata, se part time, $ 150 al mese.
Un'altra cosa che non mi hai detto , Gennaro, e' che lavoro fai ?  O sei pensionato ? Qualora ti trasferissi in Ecuador, avresti gia' in mente cosa fare ?
Io non so perche' sono venuta a stabilirmi proprio qui.  Ti ho gia' detto, che gli altri paesi che conoscevo presentavano ai miei occhi vari inconvenienti : per esempio, prezzi piuttosto alti (Costarica, Panama'),   o notevole inflazione ( Venezuela e Colombia) , mancanza di beni primari (soprattutto in Venezuela) e a volte problemi  tra Governo e Opposizione  risolti a colpi di fucile.  Forte corruzione nelle alte sfere...Ammazzamenti e "scomparse" varie (dovuti ai vari "cartel" della droga, per esempio in Messico).
In Ecuador tutto questo non c'e' o in misura molto ridotta e gli ecuadoriani si vantano di essere "buena gente" ,  persone  pacifiche .  I loro figli hanno un livello di scolarita' discretamente alto.   Non e' insolito incontrare in una famiglia "modesta",  dove la mamma fa la domestica e il padre e' muratore , un figlio o due che frequentano l'universita'.  Inoltre qui i cosiddetti "valori morali" tradizionali contano ancora.  La famiglia , per esempio,
Sono ritornata in Italia alcuni anni fa .  Ho trovato una situazione che mi e' parsa "amara". di odio latente.   Pochissima unione tra i familiari, Un modo sprezzante di trattare la gente , gli immigrati intendo dire, anche, da parte di persone che "dovrebbero"essere intelligenti....o perlomeno passano per tali.  Giovani con un alto livello di scolarita', che lavorano "da precari" o sono per anni addirittura disoccupati, ma....con laurea o diploma in tasca !
Che altro potevo fare se non tornare qui ?  C'e' da tener presente , poi, che in Italia si
pagano alte tasse , per cui molti  pensionati italiani e connazionali hanno deciso di abbandonare il paese,  per trasferirsi in nazioni  come l'Ecuador, Panama', il Portogallo,  le Canarie, la Grecia, la Thailandia , dove e' possibile vivere in modo piu' dignitoso,  spendendo di meno,e godendo un clima decisamente migliore.
Sei sicuramente una persona intelligente e mi pare di averti offerto a sufficienza spunti di riflessione in base al poco che so di te.  Comunque sono sempre a tua disposizione per ulteriori notizie.  Ciao !

Io sono un Medico Veterinario...che pensionato...una parola che non conosco....anche perché la pensione in Italia te la puoi scordare per noi 45/50 siamo fuori da questa realtà...io lavoro come Quality Control per grandi aziende di settore...come la Metro Cash & Carry nelle piattaforme di arrivo del pesce che poi raggiunge i supermarcati...ma mi do da fare nel settore......a Quito vorrei comprare casa e poi vediamo che succede...io Ho degli amici a Portoviejo

Caro Gennaro,   come medico veterinario e con esperienza in un settore molto importante, qui non avrai problemi nel trovar lavoro.  E ben pagato !
Per poter parlare con te di varie cose, ti invio il mio e-mail che e' :
Ciao !

Moderato da Francesca 3 mesi fa
Motivo : A garanzia della privacy, usa la messageria privata per comunicare email

non so come attivare la messaggeria privata e quindi non vedo la tua mail

Non so come si attiva la messaggeria privata  se mi indicate come farlo,grazie

@ lirata > Clicca su icona a forma di busta da lettera in alto a questa pagina, lato destro. Accederai cosi alla messaggeria privata.

Nuova discussione

Traslocare in Ecuador

Consigli per preparare un trasloco in Ecuador