Close
Seguici su Facebook!

Espatriare con famiglia in Spagna

Buongiorno a tutti,

Andare a vivere all'estero con la famiglia richiede una notevole preparazione.

Parlaci della tua esperienza: quali sono le cose da organizzare quando si pianifica un trasferimento con famiglia in Spagna ? Quali sono le sfide da affrontare ? I tuoi ragazzi si sono adattati facilmente alla nuova realtà ?

Pensi che la Spagna sia un buon paese dove far crescere i figli e creare una famiglia ?

Grazie in anticipo per il tuo contributo,

Francesca

Buonasera a tutti,

grazie Francesca per il tema scelto che sento particolarmente mio, visto che la mia scelta di trasferimento ha riguardato tutta la famiglia, compresi i miei figli gemelli di 7 anni.

Sicuramente è più complicato partire quando non si è più ragazzi, quindi con prole al seguito, però se ben progettato e studiato questo cambio di vita può portare a buoni risultati, riducendo al minimo il rischio di errori.

Posso raccontare la mia personale esperienza: ho studiato per alcuni mesi (da dicembre ad aprile) la location dove volevo trasferirmi, nel mio caso Malaga e provincia, Costa del Sol, raccogliendo tutte le informazioni possibili e rintracciabili su internet, esaminando il territorio, i servizi che offriva, guardando anche con le mappe di internet i singoli quartieri, passati al setaccio per rendermi conto della realtà urbana, non solo del mare e del sole. Ho raccolto tutta una serie di punti di riferimento e uffici pubblici che mi sarebbero serviti per il mio viaggio esplorativo , la "missione" come l'ho battezzata, che ho poi realizzato in soli quattro giorni alla fine di aprile. Chiaramente sono stati giorni molto intensi, perché ho visitato tutti i posti e gli uffici che mi ero prefissato, con due obiettivi primari: trovare casa e recuperare informazioni per la scuola dei figli. Quest'ultimo in particolare mi premeva particolarmente perché noi avevamo pianificato di trasferirci nel mese di agosto, avere un mesetto per stabilizzarci e procedere con calma ad iscrivere i bambini a scuola, in modo da non fargli interrompere l'anno scolastico. In questo senso mi è stato utilissimo visitare il palazzo della regione, la Junta de Andalusia, perché foriera di informazioni che mai potevo pensare, abituato all'Italia, potesse fornirmi un ufficio pubblico, invece qui dispongono di una rete informatizzata veramente efficiente, che consente di individuare anche dall'Italia la scuola dove vogliamo iscrivere i figli, in base alle caratteristiche che vogliamo ed alla distanza con la residenza scelta. Per quanto riguarda quindi l'iscrizione a scuola e l'inserimento dei figli tutto è andato bene, l'italiano è affine allo spagnolo e quindi non hanno avuto problemi ad integrarsi, maggiore difficoltà abbiamo noi genitori nel farli stare in pari col programma, ma è normale, ci vuole pazienza e dedizione.
La vera sfida invece ha riguardato l'individuazione della casa, un elemento decisamente problematico in questa zona della Costa del Sol (io vivo a Benalmadena).
Il periodo era già di "vacaciones", quindi tutte le agenzie che a fine aprile ho girato, mi invitavano a ritentare da settembre in poi, perché affitti ad uso residenziale non erano disponibili. Senza scoraggiarmi ho parzialmente modificato la mia partenza, ritardandola di un paio di settimane per far coincidere il mio arrivo con l'inizio del mese di settembre. Alla fine siamo riusciti a trovare casa ed in un mese abbiamo fatto tutto quello che necessitava fare, compresa la tessera sanitaria provvisoria...mancava solo la residenza, ma ci voleva fisiologicamente un tempo maggiore.
Posso dire che fino ad ora abbiamo vissuto una esperienza molto positiva in Spagna, ritengo questo paese decisamente più sicuro dell'Italia (non fatevi turbare troppo dalle grate alle finestre...in Costa del Sol il livello di sicurezza è decisamente alto), i miei figli godono di una vita all'aria aperta tutto l'anno, gennaio e febbraio compresi, dove si può tranquillamente pranzare all'aperto quasi tutti i giorni (dato il sole caldo). Per il futuro dei propri figli, parliamo di una scelta molto personale, la Spagna chiaramente non offre le opportunità di lavoro dei paesi del nord europa, e nemmeno i loro stipendi, ma i miei figli sceglieranno la strada migliore in base alle loro e nostre possibilità, e pianificare a sette anni il loro futuro mi sembra esagerato....intanto pensiamo al presente e sono soddisfatto che abbiano trovato una qualità di vita più alta di quella che abbiamo lasciato in Lombardia, oltre che essere migliorati in salute, fattore per noi fondamentale visti i problemi respiratori che hanno sempre avuto dalla nascita. Sul futuro, vedremo.....

Ci sarebbero molte altre cose da dire ma non voglio essere troppo prolisso, un suggerimento continuo però a darlo a chi mi contatta perché vuole trasferirsi qui.....quello di avere un progetto serio di nuova vita, meditato e scrupoloso, senza buttarsi all'avventura, a maggior ragione se si ha famiglia....un esempio banale ma che rende l'idea: ho visto chiudere locali commerciali qui da me, perché gestiti da famiglie  con bimbi piccoli che non riuscivano poi a gestire ...dati gli orari estremamente dilatati di apertura dei locali stessi e per altri fattori non precedentemente considerati...perché non si conosce la realtà locale.
In ultimo, fare sempre un viaggio esplorativo preventivo con promemoria al seguito per un corretto piano d'azione, ma avendo anche la consapevolezza che quel piano verrà almeno in parte stravolto, in quanto essere sul posto è ben altra cosa che recuperare informazioni dall'Italia, per quanto si possa essere pignoli (come lo sono io!!), anche perché ottenere le informazioni giuste ed in tempi accettabili dagli spagnoli stando sul posto è già una impresa di per sé, figuriamoci pretenderlo dall'Italia!!

Chi volesse maggiori informazioni mi contatti tranquillamente, sarò felice di aiutare chiunque

Suerte!

Alberto

Ciao Alberto,

Sei grande, un piacere leggerti  :top:

Grazie mille e a risentirci,

Francesca

Ciao, noi aluglio ci vorremmo trasferire a palma de mallorca. Siamo un po titubanti per la lingua. I figli devono imparare il catalano ed il castillano ed hanno 13 e 11 anni. In realta e' da un'anno e mezzo che ogni tanto andiamo a perlustrare e l'andalusia, idea iniziale per il trasloco, e' stata scartata perche' non c'e' lavoro...cosi ci dicevano negli uffici e nei bar. Un altro motivo, in effetti, sono state le inferriatr in tutte le case. Quindi che mi dici del lavoroi? Noi sappiamo fare tante cose dalla laurea in chimica industriale al corso di massaggio olistico a gestrice di bagno al mare a costruttore e montatore di struttutr in legno per esterni...ora palma c'e' piaciuta molto. Siamo stati 3 volte e l'ultima co i bambini, ma...la lingua....forse la domanda e' un po' personale, ma dimmi al tua. Che fai????

Ciao,

in merito alla lingua non sei il primo che manifesta questa paura per i figli, ma mi sento di rassicurarti perché è noto che in fase di crescita l'apprendimento è molto più rapido rispetto a noi adulti, inoltre per poter socializzare sono obbligati a parlare tale idioma, e una lingua la apprendi solo parlando, non ascoltando o studiando.

Detto ciò, noi abbiamo una cara amica catalana che vive in provincia di Barcellona ed ha vissuto 20 anni in Italia, quando ha deciso di tornare nel suo paese si è portata dietro i suoi 3 figli (nati e vissuti in Italia) più piccoli dei tuoi, e l'inserimento non è stato complicato, però c'è un fattore non irrilevante: la madre li aiutava a scuola essendo nativa del posto. Ecco questa è la difficoltà che si può riscontrare a mio avviso, non tanto la difficoltà per loro di apprendere, quanto la mancanza molto spesso di un sostegno adeguato, per farli stare in pari con la scuola. Nel mio caso, per il castigliano, solo io conoscevo la lingua avendola studiata all'università, ma i miei figli che sono in seconda elementare non hanno nessun supporto dalla scuola perché parte solo dalla terza elementare, e mia moglie (che non conosceva la lingua) da sola all'inizio faceva fatica, poi anche lei frequentando la scuola comunale è migliorata ed ora li segue abbastanza bene, chiaro che i tempi per i compiti sono dilatati rispetto all'Italia, e questo è un fattore che dovete necessariamente considerare, in base al lavoro che volete fare li: non sottovalutate questo aspetto, perché incide a mio avviso sull'equilibrio familiare, almeno per il primo anno....informatevi se e quali strumenti di tutoraggio ci sono per i vostri figli, non conoscendo la lingua...peraltro doppio sforzo essendo due gli idiomi da imparare....il catalano io scherzando con la mia amica l'ho sempre assimilato al russo, per i suoni, rispetto al castigliano, ma mi dicono essere invece molto simile all'italiano e non difficile da apprendere...sarà......

Grate alle finestre: nulla di più fuorviante, lo ribadisco da sempre, la sicurezza la devi testare vivendo sul posto, non in base a questo aspetto esteriore...è vero moltissime case ne sono dotate, ma ti dico che almeno per la mia esperienza ho un senso di serenità e sicurezza in questo paese decisamente più alto rispetto alla Lombardia, dove io vivevo; qui la polizia è rispettata e temuta, soprattutto dagli spagnoli (che ovviamente sono la maggioranza), il territorio è presidiato in ogni angolo, la loro presenza è discreta ma visibile ad ogni ora del giorno e della notte.....chiaro io ti parlo di zone ad alta vocazione turistica, se scegli di vivere nel paesello sperduto dell'entroterra....non ti saprei dire, ma in ogni posto dove sono stato in Spagna, Canarie comprese, la presenza sul territorio è un aspetto fondamentale; qui è un onore essere arruolati nelle forze dell'ordine, soprattutto nella Guardia Civil, la guardia franchista, e gli stipendi sono ben altri rispetto a quelli che conosciamo noi. Io conosco persone che vivono qui da 30 anni (quindi parlano loro a ben diritto, non certo io...) sia spagnoli trasferiti che italiani, e mi dicono che il tasso di criminalità (micro e macro) è veramente basso...ovvio i loro problemi li hanno anche loro, soprattutto qui da noi lo spaccio di stupefacenti essendo vicini al le coste africane, ma non esiste un paese senza difetti e soprattutto crimini di sangue qui non ce ne sono molti...anzi ne leggo pochissimi...sui giornali, mentre sui media quasi non ne parlano...un altro mondo rispetto a quello cui ero abituato...se hai sempre vissuto in un mondo senza conoscerne altri (come ho fatto io), credi che la tua realtà sia l'unica realtà...ma non è così...un esempio banale: noi siamo abituati a marocchini e tunisini che vagano per le nostre città e spesse volte delinquono, quando portai a scuola il primo giorno i miei figli il primo papà con cui feci amicizia era un marocchino, in giacca e cravatta, direttore di una filiale di una banca marocchina a Malaga.....ebbene noi siamo abituati ad altro tipo di integrazione di questi popoli...o non integrazione, per meglio dire...

Veniamo alla nota dolente, il lavoro: la questione non è quello che sapete fare o meno, ma cosa avete progettato di fare in Spagna, dovunque andiate, in base alle vostre competenze ed esperienze: la disoccupazione è diffusa in tutta la Spagna, in Andalusia raggiunge i picchi più alti purtroppo, ed il lavoro è quasi tutto concentrato a Madrid e Barcellona, si sa...
Io non conosco la realtà di Palma de Maiorca, ma non credo offra un tipo di lavoro molto differente da quello che potresti trovare qui, cioè legato prevalentemente al fattore turistico, probabilmente offre un numero di posti disponibili più alto, questo si....ma se vuoi lavorare nell'ambito turistico, la Costa del Sol è una potenza europea indiscussa in questo settore, prima meta turistica continentale. Il problema è che tutto è legato al turismo, ed ai servizi dell'indotto, qui non esistono manifatture, non c'è un tessuto d'impresa perché manca la cultura, e l'Andalusia è un po come il nostro sud Italia, quindi si è sviluppato dopo rispetto al nord della Spagna, e solo da un paio di decenni si sta cercando di creare una alternativa al settore turistico, puntando su tecnologia e sviluppo software. Io personalmente conosco la realtà locale perché la vivo quotidianamente, parlo con le imprese, frequento fiere, uffici eventi e convegni di imprenditori, avendo creato una società con soci italiani che si occupa di internazionalizzazione delle imprese italiane in Spagna e viceversa, ma è un lavoro complicato, è una sfida per noi essendo tutti bene o male consulenti d'impresa in Italia ed abituati ad un altro modo di lavorare. Mia moglie è una consulente fiscale e contributiva (CAF) che ha aperto qui un ufficio periferico per assistere gli italiani in Costa del Sol con tutte le pratiche fiscali e pensionistiche o contributive che li riguardano in Italia. E siccome si imbatte spesso in italiani che vengono per aprire nuove attività commerciali qui, io la affianco per prestare assistenza nella fase di apertura del locale commerciale e delle pratiche necessarie (essendo un ex commercialista, è il mio vecchio lavoro). Con questo penso ti sia già chiaro che normalmente non si viene qui a cercare il posto da dipendente, a meno che non si posseggano competenze (anche linguistiche!) ed esperienze di tutto rispetto che ti facciano emergere dalla massa, che ti consentano anche di percepire uno stipendio dignitoso, perché qui sono veramente bassini. Due suggerimenti quindi, per la mia esperienza: non partire se non hai un progetto concreto da realizzare o una provvista economica alle spalle che ti consenta di vivere per un certo lasso di tempo senza l'affanno di dover trovare subito lavoro; secondo: non farti condizionare da chiacchiere da bar, perché solo vivendo sul posto puoi capire cosa offre e cosa puoi fare, e spesso e volentieri i progetti iniziali vengono ribaltati e rivoluzionati in base alle conoscenze che fai e acquisisci sul posto.

Ultima considerazione: rifletti sul fatto che a Palma de Maiorca sei su un'isola.....non sul continente... una sua rilevanza ce l'ha...

Spero di esserti stato un po d'aiuto senza averti confuso le idee! Se hai necessità mandami un messaggio in privato che ti posso lasciare i nostri riferimenti su internet, non si sa mai, nel caso decideste di venire dalle nostre parti

Un saluto e suerte!

Alberto

ciao Alberto,
però che bella e lunga risposta!!!! la tua mail io non ce l'ho. comunque ti ringrazio molto. A palma il vantaggio è proprio che il lavoro, per quello che abbiamo visto noi, c'è. e' il luogo con il pil piu' alto della spagna. vabbè...non vuol dire un gran che...la maggior parte dei lavori è legata al turismo ma mi pare un indotto piu' ampio.
tutti mi dicono che il fatto della lingua non è un gran problema, ma i miei non sono piccoli piccoli, io so solo il castellano e la figlia grande è da 2 anni che lo studia a scuola...ora lo studiamo anche con il piccolo tramite un corso con dvd.
un ultimo problemuccio è che abbiamo un cane e ci serve una casetta, anche piccola, ma con giardino...ecco,  qua non costano poco poco...
...vedremo...
per ora grazie davvero tanto e ti farò sapere.
ciao Livia

Ciao Livia,

per contattarmi basta che clicchi in alto sul mio nome e dovrebbe comparirti il link di messaggio privato , ad ogni modo ti ringrazio per il complimento, mi fa piacere poter essere di aiuto.

Su Palma purtroppo ti confermo di non conoscerla affatto, probabilmente ci saranno più opportunità e meglio pagate, immagino, però è certo che le più numerose offerte di lavoro in Spagna sono localizzate a Barcellona e Madrid, manco a dirlo.... ma voi sapete già cosa andrete a fare o vi organizzerete in loco in base alle opportunità che incontrerete?

Sulla lingua concordo che non deve essere considerato un ostacolo ne per voi ne per i vostri figli, però consiglio vivamente di prepararvi prima, come peraltro state già facendo.

Per la casa...che dirti...la Spagna ha subito una "burbuja" (bolla) immobiliare pesantissima,  quindi molte case sono ritornate in mano alle banche, che stanno facendo il possibile per disfarsene, quindi si possono trovare a buon prezzo, purché le cerchi tra gli annunci di "pisos embargados"....altrimenti i prezzi (almeno qui) non sono propriamente a buon mercato, soprattutto in relazione a come sono state costruite ed ai materiali usati, veramente di pessima qualità....ribadisco sempre qui in Andalusia...

Vi auguro un buon trasloco...hasta la vista!

ciao,
a dire il vero pensiamo di tornare magari a maggio a cercare casa e io i primi mesi cerco, se riesco, a stare con i ragazzi. comunque sto facendo un corso che mi rilascia un attestato valido anche in spagna, per aprire la partita iva come massaggiatrice olistica. dove sei tu ci sono centri massaggi? vengono usati.? mi piacerebbe cambiare totalmente. marco , l'atigiano, sa fare davvero tante cose e gli piacerebbe lavorare nei cantieri navali, per sistemare navi e barche...
per la lingua il castillano ok, ma dici che dovrebbero sapere anche un po' di catalano?...è una domanda che tu personalmente non saprai, ma,, ...magari qualcuno che legge e sa...
Grazie ancora
ciao livia :/  :top:

Ciao Alberto!! che bello sentire notizie tue, si vede che state bene là!. A noi ci manca poco, due mesi circa. appena finisce la scuola andiamo là.
La scuola preoccupava anche a me, perché non sapendo ancora dove andranno genera una certa ansia da parte mia, ma solo per la scuola in se, per i compagni, l'inserimento e sperando trovare posto in una delle scuole che ci sono piaciute. Come ho già detto altre volte noi parliamo castigliano tutti compressi i bambini (io e mio marito siamo di madre lingua spagnola) allora non avremo problemi ad aiutarli con i compiti, ci preoccupa di più il basso livello di inglese che hanno e mi hanno detto che là sono un po più avanti.
Ma quello che ci preoccupa veramente è la casa!! spero di trovarla e non dover aspettare a settembre. Mio marito va a fine mese là e l'idea sarebbe affittare dal mese di maggio anticipando un po l'estate. Noi cerchiamo un adosado con un piccolo giardino o terrazzo per i bambini e il cane e con 3/4 camere.
Buono sapere che sei un commercialista e che tanto te come tua moglie si occupano di commerci e vari, magari in un futuro non molto lontano avrò bisogno di voi.

per capperi: io ho scartato mallorca, barcelona y valencia proprio per il catalano. Ho vissuto un anno a Barcellona e mio fratello due a Maiorca, sono città stupende ma i catalani sono molto chiusi, anche se dopo conoscerti bene si aprono molto. Magari farai più fatica all'inizio.  Per la scuola so che in catalogna si studia principalmente in catalano e lo spagnolo è solo un corso che andando avanti con gli anni aumenta la carica oraria. Ma la prima lingua è il catalano. A valencia puoi scegliere se studiare in spagnolo o in catalano, finisci cmq imparando entrambe però la differenza è la carica oraria, inizi con tanto catalano e poco spagnolo o al contrario. A maiorca non saprei dirti.

Ciao Livia,

purtroppo alle tue domande non so rispondere, non conosco la realtà di Palma de Maiorca. Posso fare solo delle supposizioni: se è zona ad altissima vocazione turistica come la mia qui, ti sarà difficile trovare una casa a maggio ad uso residenziale a lungo termine, perché si apre la stagione e le affittano solo a turisti, ci guadagno molto di più. Informati prima dall'Italia con le agenzie.

Sui centri massaggi posso dirti che gli spagnoli in generale (sia maschi che femmine) tengono molto all'aspetto fisico ed alla cura del corpo, però almeno qui è un settore inflazionato, proprio perché ci sono molti centri estetici, che credo facciano anche massaggi, ma non saprei con certezza.

Per tuo marito è un bene che sappia fare molte cose, se avete già testato Palma come possibilità di lavoro ok, perché qui da me trovare un posto fisso come dipendente è veramente complicato.

Per il catalano, se ti trasferissi a Barcellona ti direi che è fondamentale, li francamente non saprei.

Un saluto!

Alberto

Ciao Mariasol,
è un piacere anche per me risentirti, saremo felici di conoscervi.

Per l'inglese posso dirti che effettivamente in Spagna sono messi forse peggio che in Italia con la conoscenza della lingua, anche se nell'istituto pubblico che frequentano i miei figli qui a Benalmadena
l'inglese viene insegnato in modo migliore, rispetto alla scuola (privata!!) che frequentavano in Italia.

Veniamo alla nota dolente, la casa. Tu scrivi che a maggio vorresti anticipare l'estate, ma mi spiace dirti che che qui l'estate e la stagione si apre dalla Semana Santa in poi, quindi è già iniziata. Io feci il mio viaggio esplorativo a fine aprile e tutte (TUTTE) le agenzie dove mi recai fisicamente mi dissero di ripassare da inizio settembre in poi....tanto che dovetti spostare il mio approdo qui in Costa appositamente per riuscire a trovare una casa.

Giusto a metà marzo siamo riusciti a concludere un affitto per conto di una famiglia di italiani con due bimbi molto piccoli (peraltro con durata di soli 6 mesi, evento rarissimo) che ci aveva incaricati di trovare loro casa e che verrà qui a fine aprile, ma non ti dico con quale ENORME favore da parte del nostro aggancio italiano in una agenzia qui da noi, che praticamente ci ha messo la richiesta in cima alle altre, che cumulate saranno state una cinquantina o più. Purtroppo qui le case volano, chi prima arriva e con soldi alla mano se le accaparra, perché chiaramente essendo stranieri senza "nomina" (quindi busta paga) o altre garanzie il contante fa la differenza, considerato anche che qui il colore nero è ben diffuso e prediletto (e mi fermo qui...)

Poi la tipologia di casa che cerchi (esattamente quella dove vivo io) non è molto facile da trovare libera a maggio, perché nella difficoltà di trovare alloggio, il "piso" è la soluzione comunque più facile da trovare, visto che i palazzi abbondano, mentre le villette a schiera solitamente si trovano in urbanizzazioni. Inoltre valuta che solitamente non si trovano vicino al centro, noi siamo stati fortunati perché siamo a due passi dal centro, ma moltissime sono disseminate in zone un po lontane dai servizi, soprattutto per una famiglia con bambini piccoli. Il mio suggerimento è di adattarti e cercare una soluzione temporanea per i primi mesi, almeno fino ad ottobre, per poi cercare con più calma finita la stagione estiva. Poi dipende anche dal fattore budget, perché maggiori sono le vostre disponibilità, maggiore potrebbe essere la possibilità di trovare...però credimi qui la casa da affittare per "larga temporada" è e resterà sempre un problema, a maggior ragione se il governo non si deciderà a cambiare la norma degli 11 mesi di affitto che penalizza l'inquilino, ma questa è un'altra storia...

Spero di esserti stato d'aiuto, e ti auguro una buona ricerca, nell'attesa di incontrarci personalmente.

Un saluto!

Alberto

grazie per i consigli!! me la vedo brutta...
ti tengo aggiornato, saluti!
maria sol

ciao,
grazie davvero tanto per le utili informazioni. mariasol noi abbiamo scelto palma perché vediamo dura la ricerca del lavoro in andalusia, come ci hanno detto tanti del luogo quando siamo andati. i ragazzi faranno un po' fatica all'inizio a palma, ma spero davvero di superare lo scoglio. grazie mille per le notizie sulle case alberto, così ci organizziamo. allora vi terrò aggiornati !!!
grazie ancora livia

Ciao Francesca, grazie per la domanda... É quello che sto cercando di fare ma x ora sono in un vicolo cieco...devo iscrivere mia figlia a scuola e mi chiedono il certificato di residenza ma io sono ancora in Italia e ci trasferiremo ad agosto... Bhu nn so... Sarò obbligata ad iscriverla ad agosto appena avremo la residenza, tra l altro come faremo ad averla se per ora non abbiamo un lavoro?? Abbiamo però la casa di proprietà ... Basta quello? A chi mi posso rivolgere per avere consulenza ? Qualcuno me lo sa dire? Tra l altro vorrei aprire una attività come autonoma.

@ Lellaibz > Ciao! Ti consiglio di aprire un nuovo argomento di discussione per l'iscrizione della bimba e l'inghippo con la residenza cosi la tua domanda avrà migliore visibilità. Segui questo link: www.expat.com/forum/
Per quel che concerne l'apertura di un'attività autonoma potresti contattare la Camera di Commercio Italiana in Spagna.

Buona serata e auguri per tutto  :)

Francesca

Ciao Alberto!
Ho letto il tuo post... anche io ed il mio compagno stiamo organizzando il ns trasferimento in spagna a Malaga!
Abbiamo già prenotato a settembre una casa per 10 gg per vedere e vivere la zona (abbiamo un bimbo di quasi 3 anni e cerchiamo un contesto tranquillo e sicuro)
Per quanto riguarda il lavoro Diego è un carpentiere navale con esperienza e speriamo di trovare portando curriculum nei cantieri della zona!
Se ti fa piacere potremmo sentirci tra qualche mese così da incontrarci a Malaga compatibilmente con i tuoi impegni, per avere qualche consiglio!!
Grazie e buona giornata!
Ti lascio il mio indirizzo mail
Vania

Moderato da Francesca 9 mesi fa
Motivo : A salvaguardia della privacy e per evitare spam indesiderati non inserire contatti personali su forum pubblico

Ciao,è stato un piacere leggerti.
Anche noi sognamo la costa del sol.... Da dove bisogna partire? Potresti aiutarmi ?

Cordiali saluti

Giusy

Nuova discussione

Traslocare in Spagna

Consigli per preparare un trasloco in Spagna

Voli per la Spagna

I prezzi migliori per il tuo biglietto aereo in Spagna