Close

trasferimento

Mi sono appena iscritto e mi farebbe piacere ricevere suggerimenti su come muovermi per fare un sopra luogo in portogallo ( zona Faro) per valutare la situazione, le offerte di appartamenti in affitto, e conoscere le altre formalità , per ottenere la residenza non abituale e quindi i tempi dell'accredito della pensione lorda su un conto aperto in portogallo.mi consigliate di utilizzare qualche agenzia specializzata ? Grazie

Buonasera Bruno,

Ben arrivato su Expat.com!

Sul forum Portogallo trovi una fitta corrispondenza tra utenti che condividono il tuo progetto, sono sicura che troverai presto delle persone con cui scambiare consigli ed idee.

Cordialmente,

Francesca

Buonasera. Ho intenzione di stabilirmi in una località del Portogallo, e cortesemente vorrei sapere essendo un pensionato ultra 65enne, se è possibile mantenere la residenza anche in Italia npon perdendo i benefici della pensione al lordo, grazie, Macaluso Angelo.

Ciao Angelo, se ti trasferisci in Portogallo non puoi avere due residenze.  o il Portogalo con la pensione lorda oppure l'Italia con la pensione netta. Ciao.

Grazie.

Quanto tempo ci vuole per avere la residenza in Portogallo?

Durante i 183 di presenza in Portogallo, ho subito il riconoscimento della pensione al lordo?

la residenza e' immediata con un contratto di affitto. io ho fatto tutto in mezza giornata. codice fiscale, contratto di affitto, residenza, conto corrente bancario e codice fiscale definitivo. ovviamente non da solo. ho avuto l'assistenza di un avvocato.

Sinceramente non credo sia tutto corrispondente alla realtà .
Anch'io ed un mio amico abbiamo tenuto un certificato di residenza, un contratto di affitto , aperto il conto , e ottenuto il codice fiscale, ma a quanto mi risulta il Comune del Portogallo deve dare l'approvazione per la residenza. Quindi sino a quella data in effetti è una residenza provvisoria.Si prospetta un'attesa di due tre mesi .
Occorre ottenere anche un documento timbrato dall'ufficio imposte ( copia portoghese e copia Italiana ) da presentare all' INPS per avere il pagamento presso il conto Portoghese.
Ma a quanto ne so io la pensione sarà pagata NETTA e non LORDA
Per avere quella defiscalizzata occorre che l'INPS riceva anche il modulo di iscrizione all'AIRE Timbrato dell'ambasciata Portoghese che verifica sia la residenza che il contratto di affitto ( almeno tre mesi )
Per correttezza verso gli altri pensionati che intendono spostarsi in Portogallo,quindi non la farei così facile e veloce .
Ci sono subito da sostenere discreti costi a cui non fa immediatamente seguito il beneficio fiscale .
Tengo anche a far presente che la vita in Portogallo costa più o meno come in Italia.
Affitti alti, benzina uguale all'Italia, telefoni idem, alimentari in linea, alcolici  molto cari, auto nuove con una salatissima imposta dello stato e di conseguenza l'usato è caro, autostrade come in Italia.

Ciao Bruno, io non ho detto nulla di quello che hai scritto. ho semplicemente scritto che in mezza giornata ho fatto tutto quello che ho indicato. Il seguito, AIRE, tempi per la pensione lorda, documento dell'ufficio imposte portoghese ecc, non ne ho minimanente accennato. In questo momento sono i Italia, ma il 5 aprile tornerò in Portogallo e affrinterò anche gli argomenti che tu accennavi e quindi potrò relazionare. Buonaserata.
Beppe

Ciao Beppe , non evidenziare o sottacere le problematiche a mio avviso, crea delle false attese per quelli che cercano informazioni. È per questo che ho ritenuto di completare i tuoi commenti mettendo in evidenza quello che in questi giorni con Virgilio abbiamo constatato personalmente.
Un caro saluto

Ciao Francesca ,
Grazie per il benvenuto, spero di contribuire anch'io con la mia personale esperienza ad agevolare e/o chiarire ad altri i dubbi che vorranno rappresentare
Un caro saluto
Bruno

complimenti signor Piccardo Lei e uno dei pochi davvero informati su questo forum.
La problematica della residenza fiscale e molto complessa e non ancora armonizzata nei punti di contrasto tra le due leggi nazionali neppure negli accordi per evitare la doppia imposizione.
E indispensabile ricorrere ad un fiscalista e legale per ridurre al minimo i rischi di contenziosi che possono aprirsi anche dopo 5 anni dopo un iniziale richiesta di residenza anagrafica la cui accettazione non deve prendersi per rassicurante ai fini fiscali. Per rendervi conto della complessita del concetto di residenza fiscale potete provare a leggere uno opuscolo della HMRC inglese dove la materia e trattata al top della competenza tecnico amministrativa e dal quale tante altri stati tentano di trarre proprio regolamentazioni.
Saluti

Leggere statutory resident test HMRC

Grazie Atimos
Ma non è che sono preparato , ma X deformazione professionale desidero chiarire tutti i punti prima e non discutere dopo con le problematiche fiscali e amministrative.
Lo stato italiano sono certo che farà di tutto per renderci la vita difficile....
Cordialmente

Scusatemi l'intromissione probabilmente inopportuna quanto professionalmente insufficiente ma l'HMRC, mi sembra, poco riguardi i redditi da pensione per cittadini EU residenti fiscalmente (e sottolineo fiscalmente) all'Estero. Mi risulta che tale guida, conosco di squisito interesse UK, riguardi specificatamente le residenze legali.  Mi sento peraltro garantito nei miei diritti, magari in termini eccessivamente ottimistici, dalle convenzioni internazionali che coinvolgono Stati magari meno "estemporanei" del nostro. Voi ne saprete senz'altro di più ed è per questo che attendo Vostre ulteriori utili osservazioni. Grazie

Certo che faranno controlli prima di concedere lo status di residente fiscale non abituale, infatti il Portogallo si prende 6 mesi di tempo per concedere lo status.
Questo è quello che ho trovato sul sito dell'Ambasciata del Portogallo in Italia:


AMBASCIATA DEL PORTOGALLO IN ITALIA
MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI

 

REGIME PER RESIDENTI FISCALI NON ABITUALI IN PORTOGALLO

Pubblicato: Settembre 29, 2015
lp home casas 3 13563528435102af7157b06

A seguito del riconoscimento da parte delle autorità fiscali portoghesi dello statuto di residente fiscale non abituale, i contribuenti che si trovino in queste circostanze acquisiscono il diritto ad essere tassati come residenti non abituali per un periodo di 10 anni consecutivi, alla fine del quale saranno tassati secondo le regole generali del Codice IRS.

livinginportugal.com/en/moving-to-portugal/tax-regime-for-non-habitual-residents/



REQUISITI NECESSARI ALL’APPLICAZIONE DEL REGIME

Il riconoscimento dello statuto di residenteSalutile non abituale da parte delle autorità fiscali portoghesi dipende dal verificarsi di tre condizioni essenziali:
• Che l’interessato non sia stato tassato come residente fiscale in Portogallo in nessuno dei cinque anni precedenti a quello in cui lo statuto viene richiesto;
• Che l’interessato possieda le condizioni necessarie per essere considerato residente fiscale in Portogallo. La residenza può essere acquisita nei casi in cui il soggetto :

- Abbia soggiornato in territorio portoghese per più di 183 giorni, di seguito o interpolati;
- Nel caso in cui il periodo di permanenza sia inferiore ai 183 giorni, disponga in territorio portoghese di abitazione in condizioni che permettano di supporre l’intenzione di mantenerla e occuparla come residenza abituale
• Che lo statuto di residente fiscale non abituale sia richiesto entro il 31 marzo dell’anno successivo a quello in cui l’attribuzione dello statuto dovrà produrre effetto.
N.B. Va ricordato che il conseguimento dello statuto non è automatico, ma dipende dalla valutazionee approvazione previa da parte delle autorità fiscali. La valutazione di ogni richiesta e la conseguente valutazione avviene, in media, entro sei mesi.
VANTAGGI ASSOCIATI AL RICONOSCIMENTO DELLO STATUTO DI RESIDENTE FISCALE NON ABITUALE

il riconoscimento dello statuto di residente fiscale non abituale permette al soggetto passivo di ottenere vantaggi fiscali relativamente ai seguenti tipi di reddito:
1. reddito da lavoro dipendente e indipendente, quando gli stessi siano percepiti in Portogallo e risultino dall’esercizio di attività ad alto valore aggiunto ai sensi dell’elenco approvato da decreto del Ministro delle Finanze;
2. reddito da lavoro dipendente o da lavoro indipendente risultanti da attività ad alto valore aggiunto; pensioni e redditi passivi, sempre che, in ogni caso, siano percepiti all’estero.

1. TITOLARI DI REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE O INDIPENDENTE PERCEPITI IN PORTOGALLO
Per quanto riguarda i redditi di fonte o con origine in Portogallo, la concessione dello statuto di residente fiscale non abituale permetterà al titolare di redditi da lavoro dipendente e/o da lavoro indipendente di beneficiare dell’applicazione di una tassa ridotta di IRS del 20%, sempre che tali redditi derivino dalll’esercizio di attività ad alto valore aggiunto, come definite dalla legge. Si noti che, in aggiunta alla suddetta tassa speciale del 20%, potrà inoltre incidere sui redditi percepiti la sovrattassa straordinaria dell’IRS del 3,5%.
*Le attività ad alto valore aggiunto consistono in attività a carattere scientifico, artistico o tecnico, con particolare riguardo alle seguenti:
- Architetti, ingegneri e tecnici similari;
- Artisti plastici, attori e musicisti;
- Revisori e consulenti fiscali;
- Medici e dentisti;
- Professori universitari;
- Psicologi;
- Professioni liberali, tecniche e assimilate;
- Quadri superiori;
- Investitori, amministratori e gestori.

2. REDDITI PERCEPITI ALL’ESTERO
I redditi percepiti all’estero si distinguono in:
A) I redditi professionali e le royalties;
B) I redditi da pensioni;
C) I redditi passivi.
Nel caso di redditi da lavoro dipendente o indipendente risultantet da attività ad alto valore aggiunto*, così come le royalties, i redditi da pensioni e i redditi passivi, essi saranno esenti da IRS, sempre che siano effettivamente tassati nello Stato della fonte, in conformità con l’accordo sulla doppia tassazione siglato fra Italia e Portogallo. In tutti i casi in cui i redditi percepiti all’estero non soddisgino le suddette condizioni, saranno sottoposti al rgime generale di tassazione applicabile ai soggetti passivi di IRS.

N.B. Le informazioni contenute in questa nota esplicativa sono generiche, é caldamente consigliato il ricorso alla consulenza legale professionale per ogni caso specifico.

Contattaci

Via Guido d’Arezzo, 5
00198 Roma
(+39) 06 844 80 201/06 844 801 (Ambasciata)
(+39) 06 844 80 200 (Sezione Consolare)
secretariado.roma[at]mne.pt (Ambasciata)
sconsular.roma[at]mne.pt (Sezione Consolare)

Cosa c'è di meglio che una risposta chiara ed esauriente!!??. Grazie caterinamaria. A me è stata comunicata l'iscrizione all'AIRE, da parte del mio ex Comune di residenza in Italia, in data 18/12/2015 ed ho ricevuto la notifica quale Residente non abituale dall'Autorità tributaria portoghese in data 21/01/2016. Ho provveduto a trasmettere tutta la documentazione all'INPS in Italia compreso il documento controfirmato dalla Banca per l'accredito delle pensione. Attendo ora che questo avvenga e te ne darò notizia. Grazie ancora e buona serata. Franco.

Ciao
Visto che tu sei più avanti, vorrei approfittare della tua cortesia e della tua esperienza diretta.
Io ha fatto il c.tto di affitto per un anno , ho aperto il conto , ho presentato la domanda X l'iscrizione all'AIRE, e ho ottenuto un documento dall'ufficio imposte con il n. Fiscale e la residenza .
Mi sembra di aver capito che bisogna attendere ( circa 3 mesi )
a) approvazione residenza
b) iscrizione AIRE

nel frattempo all'INPS bisogna presentare della documentazione ? Quale ?
Ti ringrazio della disponibilità e restò in attesa dei tuoi preziosissimi suggerimenti
Cordialita
Bruno

.... Speriamo di no.... Ha tanto altro a cui pensare, il nostro giverno,  di veramente più urgente....., che ci lasci in pace.......
Saluti Luisa

Nuova discussione

Traslocare in Portogallo

Consigli per preparare un trasloco in Portogallo

Voli per il Portogallo

I prezzi migliori per il tuo biglietto aereo in Portogallo