Close

L'integrazione di un espatriato in Romania

Buongiorno a tutti,

Essere un espatriato in Romania significa entrare in contatto con una nuova cultura, usi e costumi.

E' stato facile per te integrarti nella comunità locale?

Potresti dire di sentirti a casa?

Raccontaci quali sono i passi da compiere per un'integrazione soddisfacente in Romania.

Grazie per condividere la tua esperienza,

Francesca

Certo che mi sento come a casa !! Il cibo poi è buono ed economico. L importante è diffidare di tutti soprattutto delle donne ! I romeni sono dei grandi ciarlatani

Ciao Lucatrader,

Scusa se mi intrometto -  il tuo pensiero andrebbe per lo meno argomentato -  mi permetto solo di dire che non trovo rispettoso quello che scrivi nei confronti dei cittadini Romeni.
Apparte che la discussione è stata lanciata per sapere come gli espatriati si integrano in Romania e non pregi e difetti del paese che ti ospita.
Passo e chiudo, la mia è solo una considerazione personale e non necessita risposta se non inerente al tema dell'integrazione.

Grazie,

Francesca

Il mio era un consiglio per intregrarsi meglio ! Siccome abbiamo fama di essere "polli" cioè fraieri in romeno , la cosa migliore da fare e diffidare di loro , al fine di integrarsi meglio.
Aggiungo poi L importanza di imparare la lingua , per i motivi sopra citati :) .

Per me non è un problema,integrarmi perché mio marito e' rumeno.😊

Marito romeno? 😂😂😂😂 auguri 😂😂😂

Si e me ne vanto.

catiabaldi :

Per me non è un problema,integrarmi perché mio marito e' rumeno.😊

Grazie per aver scritto! Hai dei piccoli suggerimenti da dare per aiutare un espatriato ad integrarsi nella comunità?
Ad esempio, nel tuo caso immagino che imparare la lingua locale abbia favorito l'inserimento nella famiglia ed amicizie di tuo marito, esatto?

Un saluto e a risentirci  :)

Francesca

Si parlo rumeno benissimo

catiabaldi :

Si parlo rumeno benissimo

;)

Qualche altro consiglio in base alla tua esperienza? Anche semplici accorgimenti nella vita di tutti i giorni....

Il cibo Buono?  mi fa capire che ci vivi da poco . 

Mai visto un'accoppiata di sapori tanto pessimi tutti insieme, io da cuoco della domenica penso che la cucina e la romania sono due rette parallele che non s'incontreranno mai  .   Dopo otto anni in Romania , una delle cose che m'invoglia a scappare in Italia, è proprio il gusto pessimo del mangiare e dei prodotti alimentari  !Per quanto riguarda le donne, beh le donne  sono come quelle Italiane , non belle non brutte, non XXXX ,  ma donne. Gli uomini sono come gli Italiani, non belli, non brutti ma uomini . Venendo alla parte del "ciarlatanesimo" trovo molto più ciarlatani gli Italiani, mentre i Romeni li trovo solo socialmente 'mbriacuni   ( cioè,  hanno l'imbriacatura solidale , ma non tutti non conviene mai generalizzare  ). Se fai mente locale tra i tuoi conoscenti , tra gli Italiani in Romania   il 40 % sono persone che se stanno in Italia se li prende la guardia di finanza, falliti, ex bancarottieri , o ricottari, imbroglioni ecc.ecc.ecc , un 10% dipendenti ( generalmenti bravi persone ma che sono quelli più disposti a divertirsi )  un  30 % sono quelli che hanno delocalizzato ( quelli non li vedi e non li senti, lavoro , lavoro , lavoro  ) , e un 20 % sono quelli che vengono per turismo sessuale, o per una serie di motivi che poi arrivano al sesso, convinti di fare i belli con le ragazzine , convinti che fanno i regalini e non vanno a prostitute, insomma i peggiori .

Il Romeno UOMO , si divide in due catogorie. Quello che è miliardario, e quello che gli piacerebbe esserlo , o ambisce a diventarlo con ogni mezzo. Mi sa che siamo molto m'brugliuni e ricottari  noi  !!

NB: io sono Ingegnere Civile, ho 10 anni d'esperienza nelle costruzioni, parlo correttamente Inglese, Romeno , Spagnolo, svariati anni di gestione appalti esteri ... certificazioni , amicizie, e conoscenza del settore.....solo gli Italiani mi hanno chiesto di lavorare gratis,o con false promesse , i  Romeni mi hanno sempre pagato puntuale o in anticipo. Credo abbiamo molto da imparare !

@ Totinocs > E' stato facile per te integrarti nella comunità locale?
In questa discussione si tratta questo argomento, non vorrei sbagliare ma mi pare tu sia un po' fuori tema.

Grazie,

Francesca

Grazie @totinocs per aver condiviso la tua esperienza. Non conosco bene la Romania come te, ma per quel poco che ho visto penso tu abbia ragione. Io vorrei aprire un'azienda li, ma non mi sento ancora pronto a viverci 12 mesi all'anno.

Scusa la risposta in ritardo, e mi scuso se sembrava fuori tema.

La mia risposta era solo perchè i discorsi di prima mi sembravano un po inrispettosi( dal mio punto di vista)  su di  un paese e di un popolo che sento anche un po il mio ....

volevo solo  rimarcare il fatto che tutte quelle dicerie popolora sui Rumeni e sui modi di fare ( tutti rubano,tutti ti chiedono tangenti, le donne,  bla bla bla)   sono una leggenda metropolitana.... in realtà gente affabile e sempre aperta nei confronti degli stranieri,98  % gentili e cordiali, anzi molto spesso trovo la pubblica amministrazione molto più efficiente della nostra! 

per l'integrazione nessun problema, ma è chiaro che l'integrazione migliore l'hai nelle  città aperte e grandi, se stai in una città piccola piccola, ti vedranno sempre un po come un fenomeno da baraccone, ma sarebbe anche così se ti fossi trasferito a Malvito ( piccolo paese in provincia di Cosenza) o a Piossasco ( altrettanto piccolo provincia di Torino ) !

@ilovepablo : beh nessuno ti obbliga a farlo, e nessuno ti costringe a viverci  mesi 12 all'anno. Per esperienza personale ( in Italia come in Romania,Inghilterra, Polonia, Zimbawe e tutti i paesi del mondo ) le imprese vanno coltivate con la stessa passione con la quale si coltiva 'orto! 8 mesi all'anno non credo che produrranno molto.
Per cui se non sei deciso/a a viverci per tutto il periodo dell'anno non iniziare attività, e goditi l'ospitalità del paese !

ambientarsi è facilissimo, potrebbe essere un  po un problema avere  relazioni con la  pubblica amministrazione ( anche quello è ambientarsi ) , ma nulla di trascendentale .

A volte l'interazione con i vicini di casa risulta strana  ( ma anche quello nulla di trascendentale, di base non li vedi e no li senti , ma mi è capitato di sentire qualche  canzone popolare ad alto volume ad orari improponibili, o di vedere qualche parcheggio selvaggio  o qualche oggetto lasciato nelle scale di casa per qualche mese) ma di base un buon livello di educazione, e reciproco fair play .

ambientarsi è facile basta solo smettere di pensare da Italiano ( quindi dal Bar al benzinaio , al supermercato, al ristorante ( non andarci mai se si ha fretta!!) le regole sono diverse ) e iniziare a pensare come expat in un altro paese, il primo anno t'incazzi, poi ci sorridi, poi capisci il senso e poi ti abitui  ! un capocantiere mi diceva sempre .... Ingegnere non s'incazzi non la cambierà mai la Romania, anche se il suo modello è migliore qui si fa così !

dopo anni dico che aveva ragione lui .....lasa sefu ca merge si asa,

NB: la tradizione che sta per sparire di dare il Lei alle donne e agli anziani  e di usare la frase di entratura "Sarut mana "  mi sembra di una dolcezza e di una finezza incredibile, dovremmo importarla anche noi, quando la dicono a mia moglie quasi mi commuovo ! 

Un saluto

Complimenti per la recensione!

Nuova discussione

Traslocare in Romania

Consigli per preparare un trasloco in Romania

Voli per la Romania

I prezzi migliori per il tuo biglietto aereo in Romania