Close

Regolamentazione nautica e posto barca

Vorrei sapere che tipo di regolamentazione esiste per unità da diporto vela e motore quindi patente nautica ecc.. ed orientativamente i costi per i posti barca.
Immagino varino in base alla località prescelta ma se è possibile farsi un'idea?!

Buona sera Benny,
a questi link trovi tariffe e informazioni sul porto da diporto principale di Sousse (port el kantaoui) e su quello di Hammamet (Yasmine) (beintunisia.com/it/scopri/diportistica - portelkantaoui.com.tn/ - portyasmine.com.tn/it/) sono 3 link e davanti ad ognuno devi aggiungere il "www." . Le tariffe si differenziano come da noi in base alla lunghezza espressa in metri o in piedi. Per quanto riguarda la patente noi ci recheremo con la nostra "italiana" che è differenziata vela e motore o solo motore e entro le 12nm o senza limiti dalla costa. So che la differenziazione tra vela e motore è una cosa prettamente italiana ma non ne ho avuto conferme ufficiali. Per quanto riguarda il motore dovrebbe essere (ma ne sono quasi certo) come da noi fino a 40 cv escluso da patente e limite a 6 nm. Non so se si dovranno fare conversioni, e quanti controlli reali vengono effettuati sulle imbarcazioni da diporto. Noi andremo tra qualche mese sul posto e prenderemo tutte le informazioni sia per portare in un primo tempo il gommone che successivamente (appena le condimeteo saranno favorevoli) con la barca a vela. La normativa tunisina è in fase di modifica, quindi vige molto la regola dell'interpretazione dove va bene tutto e l'esatto contrario di tutto, anche per il carrello barca prenderemo informazioni direttamente in loco e poi ci regoleremo come fare. Tieni presente che bisogna pagare una tassa di sdoganamento per tutto ciò che si introduce, quindi dovremo pagare questa tassa sia per il gommone che per la barca a vela.
Se mi vengono in mente altre cose o ne scopri qualcuna tu postala in questa discussione che è comodo avere un promemoria.
:)
Antonello

Effettuando ricerche in francese e tramite Google.tn (motore di ricerca tunisino) ho trovato queste regolamentazioni:
DOGANA: douane.gov.tn/index.php?id=176
PESCA: nationallegislation.gfcmsecretariat.org/index.php?title=Tunisie
PATENTE: investir-en-tunisie.net/index.php%3Foption%3Dcom_content%26view%3Darticle%26id%3D15406:tunisie--la-plaisance-en-butte-a-une-reglementation-compliquee%26catid%3D87:tourisme%26Itemid%3D325&prev=search
Spero di esserti stato utile
Antonello

Grazie, per la cortesia... valuterò l'acquisto di un natante direttamente in tunisia... vedo peraltro che i prezzi di nolo a parità di porti turistici tutto sommato sono meno della metà che in italia e già questo è un ottimo incentivo. se aggiungiamo che non occorre nemmeno la patente per quanto indicato, comparata con la nostra legislazione, giacchè ancor non vi è nessuna regolamentazione ufficiale, è ancora più stimolante.
Ho trovato, se non ricordo male, qualcosa che riguardi la regolamentazione, che come dici non è definita, ma utilizzando più dispositivi devo trovare dove l'ho salvata.. :) in tal caso la inserisco.

Grazie sarebbe utile, una domanda, sei più orientato su una barca a vela o a motore?
Tieni presente che in Tunisia i prezzi sono abbastanza elevati e in Italia le barche le stanno letteralmente tirando dietro alle persone, con circa 20.000 euro prendi una barca a vela di 12 metri equipaggiata e in buone condizioni, considera anche che la barca batterà una bandiera e dovrai rispettare le norme del paese di bandiera dell'imbarcazione per gli equipaggiamenti di bordo.
Anto

di seguito i riferimenti che ho trovato

codice della navigazione marittima > droit-afrique.com/images/textes/Tunisie/Tunisie%20-%20Code%20police%20de%20navigation%20maritime%202008.pdf

investir-en-tunisie.net/index.php?option=com_content&view=article&id=15406:tunisie--la-plaisance-en-butte-a-une-reglementation-compliquee&catid=87:tourisme&Itemid=325

Sicuramente in italia a vela ... ma considero in tunisia anche a motore, dato il costo del carburante... importare comunque in tunisia una barca che compro in italia a 20000 euro, sicuramente pagherei in tunisia il 45% di tasse di importazione e sarebbero circa altri 10000 eurozzi che sinceramente mi risparmierei... potrei prendere li...anche una barca da pesca e ristrutturarla... insomma vedremo in corso d'opera... c'è ancora tempo...

???? :unsure why???

Te la tieni in regime sopensivo. 6 mesi l'anno la usi, anche non continuativi. Sei mesi la fermi (consegna dei documenti in dogana del porto). Passato l'anno ti fai un viaggetto al di fuori delle acque territoriali (Pantelleria?) e rientri e ricominci il gioco. La gran parte fa cosi'. Da anni. Un po' menoso, ma puo' valere la pena.

perchè naturalmente non sono informato di tutto ciò :)  e non da sottovalutare poi che a pantelleria o comunque qualsiasi altro posto fuori dalla tunisia non potrei andare non avendo la patente a meno che non navighi con qualcun altro... ma in barca si sa e più facile trovare l'ago nel pagliaio che navigatori aggreganti :)

Teniamo presente che dei sei mesi di fermo "biologico" della barca è da considerare anche il rimessaggio invernale per una pulita all'opera viva, eventualmente una passata di antivegetativo e qualche sistemazione interna, considera che se decidessi di farti una vacanza in barca di un mese risulterebbe un mese in meno di permanenza nel porto, ecc ecc. Certo per Pantelleria siamo oltre le 12 miglia, non ho capito se la patente non ce l'hai proprio o è quella entro le 12 miglia, nel primo caso prendila entro le 12 miglia, nel secondo caso... oltre le 12 miglia non viene nessuno a controllarti la patente, serve solo in caso di problemi, sinistri, ecc ecc per l'assicurazione, se hai esperienza di navigazione, di meteo e di venti ok altrimenti conviene fare un corsettino per patente senza limiti dalla costa. In alternativa qualcuno che ti porta la barca in un altro paese si trova sempre... comunque Pantelleria è a 37 miglia, quindi sarebbero "solo" 13 miglia scoperte :)
Anto
certo che ognuno poi è geloso della propria barca, è normale ma se dovesse servire una mano ci si organizza e ci si aiuta, tieni presente che si potrebbero fare anche le navigazioni di trasferimento insieme raggruppando qualche imbarcazione e considera anche che l'Algeria è fuori dalle acque tunisine :) e non vai oltre le 12 nm

Pensavo (almeno io ragiono così), con la barca almeno una vacanza di un paio di mesi l'anno la vogliamo fare? altrimenti che l'abbiamo presa a fare? Entro in Tunisia, la tengo 6 mesi in uso, una crocierina in grecia, spagna o croazia ci sta tutta e passano altri due mesi di cui 6 in acque tunisine, 2 fuori dalle acque tunisine, rimangono 4 mesi in sospensione (per fare un po' di carenaggio) e si rincomincia. Sbaglio qualcosa Roberto o è corretto?
Anto

non ho ancora la patente, vado a vela però di tanto in tanto... penso sempre di prenderla, ma per motivi vari, non mi sono mai impegnato... anche perchè vorrei conseguire quella senza limiti, ma come sai l'esame di carteggio è una estrema rottura, perciò mi chiedevo, se la tunisia ha una legislazione simile all'italia ed a quanto pare è ancora da definire, chissenefrega per il momento :) ... non devo fare transatt, ma lungo costa, pertanto...
peraltro il regolamento italiano attuale prevede (se non erro) che, entro le 6 miglia possa condurre imbarcazioni fino a 24 mt e 40 cv... sicchè per ciò che mi piacerebbe fare sarei a cavallo...

no italiana è 10 metri e 40 cv entro le 6 nm, oltre i 10 metri obbligo di immatricolazione e vincoli a 12 nm o senza limiti in base alla patente. E' difficile conseguire direttamente quella senza limiti, di norma la guardia costiera concede prima quella entro le 12 nm e successivamente si fa l'integrazione senza limiti. Tieni presente che bene o male con quella entro le 12 nm giri tutto il mediterraneo.
Anto

credevo fossero cambiati i limiti entro le 6 miglia.... in tal caso mi darò da fare...

La patente si può fare direttamente senza limiti dalla costa ma è davvero difficile come esame e se non si è ben preparati si rischia la bocciatura, conviene dare prima quello entro le 12 miglia e dopo un paio d'anni quello senza limiti dalla costa. Per quanto riguarda le miglia la nuova normativa permette a una persona dai 16 anni di età di condurre un'imbarcazione fino a 10 metri di lunghezza con motore fino a 40 cavalli fino a 6 miglia dalla costa (purchè con le previste dotazioni di sicurezza) senza alcuna patente.
Gli esami di patente nautica "solo a motore" si possono fare anche con la Motorizzazione Civile.
Molte sedi di Guardia Costiera stanno attuando le nuove metodologie di esame che comprende il quiz al posto dell'orale.
Prima prova carteggio, seconda prova quiz e ultima prova guida dell'imbarcazione (ormeggio, disormeggio, recupero uomo a mare con manovra Williamson, cambi di direzione). Durante la prova di guida vengono fatte domande al giudicando relative alla condotta dell'imbarcazione e alle norme del CIS per prevenire gli abbordi in mare.
Anto
Anto

molto esaustivo, grazie

Penso di riprendere questa discussione e dargli nuova vita, sia per le norme già citate e sempre valide che per le esperienze maturate nel frattempo... Benny sarebbe bello se partecipassi a questa discussione anche tu che l'hai creata inserendo i vari sviluppi ottenuti negli anni.

Ripassiamo la normativa tunisina, quando con un'imbarcazione da diporto (i natanti sono un'invenzione italiana e non sono contemplati infatti all'estero sono tutte imbarcazioni) si entra nelle acque nazionali tunisine bisogna recarsi al porto più vicino, dichiararsi alla Guardia Nazionale Marittima, alla Polizia di Frontiera e alla Dogana, se si è solo in transito bisogna comunicarlo e informarli sul percorso che si vuole fare in modo che possano allertare le varie sedi della Guardia Nazionale Marittima lungo il percorso (anche per eventuali assistenze in caso di difficoltà). Al contrario della Guardia Costiera Italiana qui il servizio è in ascolto continuo sul VHF Ch 10 (personalmente metto in Dual Watch la radio 10/16) dove avviene il primo contatto.
Nel caso invece si voglia entrare per un periodo nel porto tunisino in fase di ingresso bisognerà dichiarare il porto di destinazione quale sarà, far redigere dalla Polizia di Frontiera la "Declaration de libre pratique", ha validità 2 anni al massimo e decade quando si decide di uscire dalle acque territoriali. Questa dichiarazione accompagnerà la barca per tutto il periodo che navigherà nelle acque territoriali, Una volta redatta sarà aggiornata dal servizio Dogana del porto di stazionamento.
Come già detto nei post precedenti la barca dovrà osservare un periodo di fermo di 6 mesi (di norma parliamo dell'invernaggio) ma avendo un'imbarcazione cabinata si può uscire dalle acque territoriali per 36 ore e al rientro si fa fare una nuova dichiarazione.
L'uscita non vincola al raggiungimento di un porto estero (Pantelleria, Lampedusa, Linosa, Malta, Sicilia o Sardegna) anche perché non esistono prove e visti che si è raggiunta quella località ma basterà quindi rientrare dopo le fatidiche 36 ore in porto. S'intende che l'uscita richiederà il visto sul passaporto e l'apposizione della marca da bollo da 60 dt.
I porti Turistici che offrono un buon rapporto qualità/prezzo/sicurezza sono Yasmine (Hammamet), El Kantaoui (Sousse), La Marina (Monastir). Il porto dove di norma si effettuano le pratiche di ingresso è Kelibia.

Oltre alla nuova e modernissima Marina di Bizerta

Grazie Antonello,
Io ancora non sono lì, ma i tuoi commenti mi hanno aperto moltissime porte evitandomi tantissime domande. Il tuo contributo in questo forum è davvero prezioso. sono sicuro che nessuno potrà smentirmi in questo.
Io per diverse circostanze ho dovuto slittare il trasferimento e molto probabilmente sarò li il prossimo anno, ma credo di non riuscire per tempo a definire per la defiscalizzazione,
ad ogni modo...
Per quanto riguarda l'imbarcazione ho risolto proprio oggi una serie di dubbi quindi, una volta acquistata la barca la farò immatricolare bandiera olandese perciò in base al trattato di Montego Bay non sarò assoggettato ad alcuna legge di navigazione territoriale che non sia quella della bandiera di stato, soprattutto italiana che è molto rognosa.
Ho guardato i due link che mi avevi elencato per capire i costi di ormeggio e confrontati con quelli che pagherei alla cala di Palermo costano un terzo!
Se nel frattempo hai trovato altre marine meno costose, ti sarei grato se me li indicassi.
Quello che hai postato lo avevo letto in po' frammentato qua e la... perciò grazie ancora.
Io non ho da aggiungere nulla di più di quanto da te evidenziato, potrei, qualora lo si richiedesse spiegare il perché immatricolare l'imbarcazione all'estero.
Buon vento!
ps. la barca sarà abbastanza grande tale da permettere qualche gitarella in compagnia di qualcuno di voi :)

Live in tunisia :

Oltre alla nuova e modernissima Marina di Bizerta

Vero Roberto e viene usata principalmente per gli italiani che vengono in Tunisia per effettuare i lavori di carenaggio (per i porti mi sono soffermato sulle zone principali di interesse di chi vuole espatriare).

Benny BM :

la farò immatricolare bandiera olandese

Ecco Benny ora sei tu che devi dare le informazioni, finora tutti abbiamo fatto immatricolare le barche con la bandiera belga proprio per l'assenza di tutte quelle norme dal RINA agli equipaggiamenti obbligatori che la normativa italiana impone, anche la detenzione dei fuochi ad esempio con la normativa italiana devi sbarcare quelli in scadenza proprio perché non puoi avere fuochi superiori alla dotazione prevista per la distanza dalla costa, la normativa belga invece stabilendo il minimo (es. giubbotti salvagente per tutti gli occupanti) devolve al Comandante dell'imbarcazione la decisione di cosa si deve imbarcare (fuochi, carte, ispezioni alle attrezzature di soccorso).
Cosa comporta invece la bandiera olandese?
Per i porti una dritta di ieri, ad El Kantaoui hanno abbassato i prezzi dando con contratto di ormeggio annuale gratuite le utenze di acqua e luce. L'esempio che mi hanno fatto (e che è attualmente il migliore) è relativo ad una barca a vela di 10 metri esatti dove tutto compreso all'anno costa lo stazionamento 2800 dt che tradotto in euro al cambio attuale fa circa 940 euro l'anno. Monastir e Yasmine erano un pochettino più cari, potrebbe inserire #pinopia i prezzi, non li ricordo.
I tariffari sono per il periodo 2017/2018.

Parliamo dell'assicurazione, la normativa italiana differenzia natanti da diporto (inferiori ai 10 metri con potenza motore fino a 40 cv) e imbarcazioni da diporto fino a 24 metri senza limiti per la potenza del motore, questo comporta per i natanti da diporto la possibilità massima di navigazione entro le 6 nm dalla costa e le altre in base alle loro caratteristiche e agli equipaggiamenti senza alcun limite dalla costa. Consideriamo però che se lo si desidera è possibile immatricolare un'imbarcazione inferiore ai 10 metri e navigare con le stesse peculiarità di una barca più grande. Molti scelgono di far battere alla propria imbarcazione bandiere di altri stati europei (è possibile senza vincoli particolari) scorporandosi così da tutti i limiti imposti dalla normativa italiana che è tra le più ferruginose e ingarbugliate. Resta inteso che per imbarcazioni maggiori dei 10 metri che montano motori fino a 40 cv benché immatricolate non è necessaria la patente per navigazioni entro le 6 miglia dalla costa. L'assicurazione per i natanti da diporto è unicamente legata al motore (caso mai si trita qualcuno con l'elica) ma non copre la responsabilità civile, per le imbarcazioni superiori invece copre anche quella. In Tunisia è necessaria invece un'assicurazione che copra i trasportati ed eventuali danni a terzi, quando quindi si verrà con l'imbarcazione in Tunisia assicuratevi che la vostra italiana copra queste casistiche altrimenti dovrete stipularne un'altra in sede. I costi assicurativi sono molto bassi e l'assicurazione non si rinnova automaticamente. In Tunisia non esiste patente nautica.

In primis, fino ad imbarcazioni di 24 mt. la patente Antonello, in Olanda ed Inghilterra non è richiesta, così come in Francia ad eccezione solo per motore, inoltre le dotazioni di sicurezza non sono necessarie se non a discrezione del comandante ed i costi davvero esegui di registrazione, che si fanno solo una volta.

Per poter raggiungere la Tunisia serve quella oltre e sai quanto è difficile ottenerla, cosicché con questo escamotage che peraltro serve solo per l'Italia, puoi navigare (con perizia e responsabilità) dove ti pare, sia in acque nazionali che extraterritoriali.

Una ulteriore chicca, ma da confermare è che hanno riformato il codice della navigazione ed hanno inserito tra le altre, una norma (non so se approvata), che prevede la consegna, a domanda degli interessati e quindi senza esami, solo per le forze di polizia.

Per il resto val bene... portare la barca fin li con i costi di marina davvero irrisori che ci sono!

Benny BM :

fino ad imbarcazioni di 24 mt. la patente Antonello, in Olanda ed Inghilterra non è richiesta, così come in Francia ad eccezione solo per motore, inoltre le dotazioni di sicurezza non sono necessarie se non a discrezione del comandante ed i costi davvero esegui di registrazione, che si fanno solo una volta.

Anche in Belgio dove esiste una particolare autorizzazione unicamente per la navigazione nelle acque interne. La patente italiana del resto ha tanti regolamenti astrusi e una normativa vecchia e mai rinnovata oltre alle varie situazioni "anormali" di concessione. I nuovi esami del resto proprio per la stupidità delle domante farebbero bocciare anche l'ammiraglio Nelson. Se consideriamo poi che chi si avventura oltre le 6 miglia dalla costa o sa quello che va a fare o con grandi probabilità si affoga vediamo che all'interno delle 6 miglia possiamo trovare anche dei sedicenni che portano imbarcazioni con motori performanti senza aver conseguito la benché minima infarinatura marinaresca (un gommone con un 40 cavalli ad iniezione di 4 cilindri supera facilmente i 35 nodi) quindi abbiamo un grande affollamento entro il miglio dalla costa, si dirada un poco entro le 3 miglia per diventare abbastanza libero entro le 6 miglia (e fin qui ci possono andare tutti) dalle 6 alle 12 giusto qualcuno che sta facendo qualche trasferimento o gruppi di amici che si muovono insieme per andare oltre le 12 miglia dove veramente non ci sta nessuno. Se poi guardiamo l'AIS e visualizziamo le rotte delle navi mercantili ci rendiamo conto che con la barca a vela o sappiamo cosa dobbiamo fare o rischiamo di essere travolti da qualche superpetroliera in transito. Per quanto riguarda le imbarcazioni battenti bandiera non italiana il Comandante è legato alle norme della propria nazione di residenza quindi se Italiani in navigazione nelle acque italiane dovete osservare le norme nazionali sulla patente (ci sono persone che entro le 6 miglia cambiano bandiera - la bandiera belga non richiede la targa scritta sulla barca - tornando ad issare la bandiera italiana) se si è residenti all'estero quindi si è fuori anche da quelle normative.

Parliamo delle patenti, la normativa italiana che regola la nautica da diporto trova la sua attuazione in diverse leggi, norme e normative. Quelle di riferimento dove reperire le informazioni sulle classificazioni delle imbarcazioni, le omologazioni, i marchi CE e le varie tipologie di patenti e di abilitazioni oltre che le dotazioni di bordo per i natanti, le imbarcazioni e le navi da diporto sono le seguenti:
1) Legge n. 172 dell'8 luglio 2003. Disposizioni per il riordino e il rilancio della nautica da diporto e del turismo nautico.
2) D.M. n. 121 del 10 maggio 2005. Regolamento recante l'istituzione e la disciplina dei titoli professionali del diporto.
3) D.Lgs. n. 171 del 18 luglio 2005. Codice della nautica da diporto ed attuazione della direttiva 2003/44/CE, a norma dell'articolo 6 della Legge n. 172 dell'8 luglio 2003.
4) D.M. n. 146 del 29 luglio 2008. Regolamento di attuazione dell'articolo 65 del D.Lgs. n. 171 del 18 luglio 2005, recante il codice della nautica da diporto.
Le tipologie di patenti trovano la sua applicazione nel D.M. 146 indicato al punto 4, le caratteristiche delle imbarcazioni e ciò che si può comandare trova il suo riferimento con il D.lgs. 171 cui al punto 3. Al Capo IV art. 39 (Patente Nautica) troviamo le norme che disciplinano la condotta con patente, al successivo comma 3 leggiamo che per condurre un'imbarcazione da diporto di lunghezza inferiore ai 24 metri con motore di potenza pari o inferiore ai 750 cc se benzina 2 tempi, 1000 cc se iniezione 4 tempi o iniezione diretta, 1300 cc se a carburazione 4 tempi o 2000 cc se diesel comunque con potenze superiori a 30 kw o 40,8 cv non è richiesta patente nautica se si naviga entro le 6 miglia dalla costa purchè si abbiano compiuto 18 anni per le imbarcazioni da diporto e 16 anni per i natanti.
------------------
Cosa vuol dire tutto questo? Che un diciottenne si compra una barca a vela di 14 metri di lunghezza (quindi qualcosa di importante) con motore inferiore ai 40,8 cv di potenza e costa costa, tranquillo tranquillo se ne va a passeggio per tutto il Mediterraneo, il Mar Nero e se gli gira male passa anche Suez e Gibilterra e se ne va a passeggio, sempre costa costa negli oceani Atlantico, Indiano e Pacifico. S'intende che questa normativa è applicabile ai cittadini italiani residenti in italia che acquistano un'imbarcazione battente bandiera di uno stato membro della Comunità Europea. Se residenti all'estero si è vincolati alle normative del paese del quale l'unità comandata batte bandiera, questo lo troviamo nel D.M. 144 dove nell'art. 34 comma 2 recita:
"2. Per gli stranieri ed i cittadini italiani residenti all'estero che comandano imbarcazioni e navi da diporto iscritte in registri stranieri, l'obbligo di patente nautica è regolato dalla legge dello Stato di bandiera dell'unità."
Certo non ci si improvvisa marinai, è importante conoscere il mare, i venti ed effettuare un piccolo corso di meteorologia oltre ad avere il più possibile una connessione internet attiva a bordo che ci permetta di conoscere le previsioni perché trasformare in tragedia una passeggiata è un attimo. Per la navigazione in Tunisia, quando ho chiesto quali fossero le norme il Capitano della Guardia Nazionale Marittima mi ha risposto... il buon senso. Ed ha ragione!

Salve a tutti
Nei scorsi giorni sono stato in Tunisia per visitare alcune città, soprattutto quelle costiere servite da un porto turistico poiché mi interessava conoscere la realtà, la disponibilità e i prezzi di questi approdi.
In sintesi riporto i prezzi  per una barca a vela di 10 mt, per un posto annuale a  Monastir e Yasmine Hammamet:
MONASTIR 3.350 dinari, cambio attuale 1.150 € comprese tasse e utenze acqua e corrente;
YASMINE HAMMAMET 3.300 dinari, cambio attuale 1.135 € comprese utenze acqua e corrente.
A grandi linee quasi un terzo di quello che mediamente si pagherebbe nei porti turistici italiani.

Ciao, sai per caso quanto costa prendere in affitto, anche tutto l'anno una barca grande a motore ? Forse anche in questo caso il costo è un terzo dell'Italia. Grazie ciao Arnaldo

no la nautica qui ha costi altissimi non essendoci regole chiunque se lo possa permettere può tenersi una barca ed essendo un paese comunque più povero dell'Italia la barca è un lusso. Senz'altro risparmi a comprarne una in Italia dove le nostre regole sono paurose e portarla qui, considera anche che va bene abitare in barca ma che ogni anno va portata in secca per fare lavori di pulizia alla carena e di ispezione e eventuale sostituzione periodica delle prese a mare, giusto per non affondare in porto. Comunque su un motore di ricerca digita "louer bateau en tunisie" e vedi i risultati.

Benny BM :

Una ulteriore chicca, ma da confermare è che hanno riformato il codice della navigazione ed hanno inserito tra le altre, una norma (non so se approvata), che prevede la consegna, a domanda degli interessati e quindi senza esami, solo per le forze di polizia.

E' già una norma ufficiale e la troviamo nel Decreto Ministeriale N. 146 del 29/07/2008 Art. 32 dove la patente nautica è concessa senza esami al personale della Marina Militare, Vigili del Fuoco, Polizia, Carabinieri, Finanza che abbiano conseguito l'abilitazione alla condotta dei mezzi nautici ed al comando delle navi, s'intende che si riscontra dall'estratto del foglio matricolare oltre che da dichiarazioni del Comando di appartenenza, è tutto spiegato nella norma che ho citato (ma se residente all'estero e con bandiera di un altro Stato europeo non serve :) )

Ciò che dico io riguarda tutti, non solo gli specializzati.

Benny BM :

Ciò che dico io riguarda tutti, non solo gli specializzati.

Attualmente la norma in vigore è quella che ho riportato nel mio post precedente, se dovessero fare una qualche variante davvero non ne ho idea ma come ho scritto sopra se lo si vuole da residenti all'estero si può comandare un'imbarcazione di 24 metri con motori esagerati purchè batta una bandiera di un paese che non richiede tale obbligo. S'intende che quando si va per mare al di là del possesso della patente o meno, o sai quello che devi fare o sei un naufrago in alcuni casi anche morto. :D

Nuova discussione

Traslocare in Tunisia

Consigli per preparare un trasloco in Tunisia