Sobre Vanuatu


Conosciuto in epoca coloniale come le Nuove Ebridi, l’arcipelago di Vanuatu è costituito da 83 isole di origine vulcanica che si trovano nel sud-ovest dell'Oceano Pacifico.

La destinazione attrae molti visitatori grazie alle sue spiagge tropicali incontaminate, agli splendidi fondali marini, al suo carattere aspro che si fonde con tradizioni culturali ben radicate.

Il territorio si estende su un'area totale di 12.200 km2 ed è abitato da circa 270.470 persone.

La maggioranza della popolazione è composta da Melanesiani; le lingue ufficiali sono l'inglese, il francese e il bislama ma si parlano anche un centinaio di lingue indigene.

La maggior parte degli abitanti delle isole lavora nell’agricoltura, il settore chiave dell'economia della regione. I prodotti più esportati sono cacao, copra (polpa essicata del cocco), carne bovina e kava.

Il turismo è un settore in espansione.

Vanuatu è un paradiso fiscale in via di sviluppo che fornisce servizi finanziari offshore.

Le isole sono geograficamente divise in sei province: Torba, Sanma, Penama, Malampa, Shefa e Tafea. Porta-Vila è la capitale situata sull'Isola di Efate da cui partono la maggior parte delle escursioni verso le altre isole.

Le attività che si possono praticare a Vanuatu sono in prevalenza immersioni e snorkeling. Le destinazioni di Mele e Aore sono i posti preferiti dai subacquei per la bellezza dei fondali.

Il Monte Yasur, sull'isola di Tanna, è un vulcano attivo da visitare.

Il periodo dell’alta stagione va da luglio a dicembre per cui, se desiderate approfittare delle bellezze del territorio senza troppi turisti intorno, optate per il periodo da gennaio a giugno.

La maggior parte dei turisti può visitare Vanuatu senza bisogno di visto per un periodo da 30 a 90 giorni, a seconda del paese di origine.